Altro caos giornalistico. Criscitiello nella bufera per una frase sessista.. Tanti i commenti sui social contro il giornalista di Sportitalia.

 

Non è passata neanche un settimana dal caso Sergio Vessicchio che con testuali parole:: “Prego la regia di inquadrare l’assistente donna, che è una cosa inguardabile, è uno schifo vedere le donne che vengono a fare gli arbitri, è una barzelletta della Federazione”, rivolgendosi a la signora Annalisa Moccia di Nola che stamane ci svegliamo con un nuovo caso.

Sta spopolando in rete la gaffe del noto giornalista, se possiamo chiamarlo cosi, Michele Criscitiello che dopo i complimenti all’Inter Femminile per la promozione in Serie A da parte di Roberto Scarpini di Inter Channel, si è lasciato andare questa frase: “Vabbe, parliamo di calcio..”.

Caro Criscitiello, seppur rosa è sempre calcio! Inoltre il noto conduttore sul proprio profilo Instagram non si è scusato per la gaffe, anzi ha ricalcato la dose dichiarando:

View this post on Instagram

Noto con piacere che, in questo Paese di falsi moralisti, siete tutti diventati fan ed esperti di calcio femminile. Va bene seguire la massa ma ribadisco che il calcio femminile è uno sport diverso dal calcio. Il ritmo è diverso, 22 donne non professioniste non possono coprire gli spazi di un campo 110per62 nello stesso modo di 22 uomini (è fisica), i contrasti sono diversi e la potenza dei tiri non è paragonabile a quella del calcio. È uno sport dilettantistico ed è da rispettare come tutti gli altri ma il calcio è altra cosa. Lo Stadium era pieno con ingresso gratuito. Nessuno ad esempio sa che nel basket femminile il pallone è più piccolo rispetto al basket maschile. In Italia abbiamo lanciato prima la moda delle squadre B e adesso quella del calcio femminile. Ben venga ma la FIGC non dimentichi che ci sono da risolvere prima altri problemi: squadre fallite, calciatori disoccupati a 22 anni e plusvalenze fittizie per alterare i bilanci. Chi vuole fare la morale sul sessismo con me casca male: amo le donne, nella mia azienda sono più donne che uomini e da dieci anni la sigla della nostra trasmissione è “Le donne e il calcio…”. Posso accettare solo l’accusa di non essere un appassionato di calcio femminile. Sono gusti. Fenomeni da social avete sbagliato porta. Andate a fare le prediche da falsi preti in altre chiese.

A post shared by Michele Criscitiello (@criscitiellomichele) on

 

Insomma, dopo il caso Collovati e Vessicchio alla lista dei “sessisti” si aggiunge anche Michele Criscitiello.  

 

Potrebbe interessarti

TDR: La Campania Femminile ai Quarti di Finale

La Campania Femminile ai Quarti di Finale grazie al successo sull’Emilia Romagna. De…