napoli vs liverpool

Praticamente non sorteggiato il girone del Napoli, che tra le ultime due squadre col bussolotto ancora chiuso era obbligato ad entrare nel gruppo del Liverpool, visto che l’altro girone aperto era quella della Juventus, che gli azzurri non possono sfidare essendo della stessa nazione.

Squadra che vince non si cambia

Per il secondo anno di fila quindi, Carlo Ancelotti pesca i Reds dalla prima urna della Champions League. All’ex allenatore del Milan basterà, riprendere gli appunti dell’anno scorso visto che alla corte di Klopp non è arrivato nessun vuolto nuovo dal mercato estivo. Il Napoli della passata stagione ha dimostrato di potersi battere alla pari con i campioni d’Europa in carica, con la gara del San Paolo certamente ancora nella mente dei tifosi partenopei.

Formazione tipo

Come detto, si tratta della stessa squadra che il Napoli ha affrontato circa dodici mesi fa. Jurgen Klopp schiera il suo Liverpool con il 4-3-3 che vede Alisson, miglior portiere della scorsa edizione, tra i pali. L’estremo difensore brasiliano però, potrebbe rientrare ad ottobre inoltrato dopo l’infortunio subito ad agosto. Il secondo portiere degli inglesi è lo spagnolo Adrian. La linea difensiva a quattro è composta dagli esterni Alexander-Arnold a destra e Robertson a sinistra. Mentre al centro della difesa agiscono Matip ed il miglior difensore della passata Champions League Virgil Van Dijk.

Il centrocampo titolare dovrebbe essere composto da Fabinho perno centrale con capitan Henderson e Wijnaldum come interni. Non male però, le alternative che sono Naby Keita ed il tuttocampista Milner.

Velocità, classe, potenza. L’attacco a disposizione di Klopp non manca di nulla. I tre titolari sulle loro spalle hanno i nomi di Salah, Firmino e Mané. Con la possibilità di contare su alternative del calibro di Lallana e Shaqiri come esterni e Divock Origi come punta centrale, trascinatore nella fase finale della passata stagione.

Capolista in Premier

Con la vittoria casalinga sull’Arsenal il Liverpool ha conquistato il primato della Premier League in solitaria. Percorso netto per il team di Klopp con tre vittorie su tre. Oltre alla vittoria per 3-1 sui Gunners, i Reds hanno battuto 4-1 ad Anfield il Norvich all’esordio e 2-1 il Southampton in trasferta.

Precedenti

Come detto sono recentissimi i precedenti tra Napoli e Liverpool, quantomeno quelli della passata stagione. Nella fase a gironi dell’anno scorso le due formazioni si sono quivalse, con gli azzurri che si sono imposti al San Paolo vincendo per 1-0, grazie al gol di Insigne. Reds che hanno ricambiato vincendo col medesimo risultato ad Anfield Road grazie alla rete di Salah.

Vecchio invece, di nove anni l’altro doppio confronto tra azzurri e Reds. Le due formazioni infatti, si affrontarono nella fase a gironi dell’Europa League 2010/11 che segnò un pareggio a reti bianche al San Paolo e la vittoria per 3-1 del Liverpool in casa. In quell’occasione fu decisivo l’ingresso in campo del mostro sacro Steven Gerrard, che con una tripletta ribaltò il vantaggio di Lavezzi.

Non solo Istanbul: Ancelotti e il Liverpool

Positivi i precedenti tra il tecnico azzurro e la formazione inglese. Ancelotti ha affrontato i Reds per dieci volte in carriera, vincendo 6 confronti e perdendone 4. Il primo, è il peggiore da ricordare per il tecnico di Reggiolo: la famosa finale di Istanbul che il Milan perse ai rigori dopo aver chiuso il primo tempo in vantaggio per 3-0. Due stagioni più tardi la rivincita di Ancelotti, che si impose per 2-1 ad Atene grazie alla doppietta di Inzaghi.

Alla pari anche i confronti in Premier League quando Carletto era alla guida del Chelsea. Due vittorie alla prima stagione e due sconfitte alla seconda.

Schiacciante invece, il confronto nella fase a gironi della stagione 2014/15, quando Ancelotti siedeva sulla panchina del Real Madrid: 3-0 la vittoria dei Galacticos ad Anfield ed 1-0, ancora vincente, in Spagna.

Ancelotti vs Klopp

In parità lo score tra i due allenatori, sicuramente tra i più grandi della scena internazionale, con due vittorie ciascuno. Abbiamo già citato la vittoria per parte della passata stagione, mentre va ricordato il doppio confronto tra Real Madrid e Borussia Dortmund ai quarti di finale 2013/14: vittoria casalinga per 3-0 in Spagna e rimonta sfiorata in Germania per Klopp, fermato sul 2-0.

Potrebbe interessarti

Pisa – Benevento 0-0, Montipò salva l’esordio di Pippo Inzaghi

PISA – BENEVENTO 0-0 PISA (3-5-2): Gori, Aya, De Vitis, Benedetti; Belli (61’ Birind…