Finisce qui l’imbattibilità della Turris, dopo 27 partite i corallini vengono sconfitti. A firmare l’impresa il Latte Dolce, trascinato da un super Pinna e dal portiere Garau, bravo a neutralizzare il penalty del possibile 2-2 ipnotizzando Alma. Domenica amara per i corallini, che vedono l’Ostiamare avvicinarsi, i laziali espugnando Budoni si sono portati a 4 punti dalla vetta. Che fosse una Turris in giornata no lo si era capito già dai primi minuti, con il Latte Dolce vicino al gol in più di un’occasione. Prima Marcangeli (9′) poi Cabeccia (11′)  spaventano i corallini, nonostante i pericoli scampati la Turris non reagisce e al 19′ va sotto. Palmas si invola sulla sinistra, servendo nel cuore dell’area di rigore Marcangeli che insacca di testa. Proteste da parte degli uomini di Fabiano per un presunto tocco di mano di Palmas, ma l’arbitro lascia giocare convalidando la rete. La reazione della Turris è affidata al solo Celiento, incontenibile sull’out destro, ma l’esterno corallino sembra predicare nel deserto. La gabbia disegnata dal tecnico del Latte Dolce per arginare Aliperta funziona, la Turris non riesce a innescare il tridente offensivo e gli animi iniziano a surriscaldarsi. Al 33′ proprio Aliperta viene espulso per aver colpito Palmas. Per gli uomini di Fabiano ci sarebbe l’opportunità di agguantare il pari al 38′ con un rigore concesso per fallo su Longo. L’arbitro Crescenti di Trapani prima assegna la massima punizione, ma dopo consulto con il guardalinee lo annulla per fuorigioco dello stesso Longo. Il primo tempo finisce qui.

Dopo appena 4 minuti dalla ripresa del gioco il Latte Dolce raddoppia con Bianchi, la cui conclusione viene deviata da un difensore corallino beffando Lonoce. In ben due occasioni i sardi vanno vicino al tris. Nuvoli su punizione entra nella storia, con il pallone che colpisce ben tre volte la traversa per poi uscire sul fondo. Lo stesso Nuvoli con una conclusione dal cuore dell’area di rigore colpisce nuovamente il montante. La Turris sembra non averne più, ma riesca ad accorciare le distanze con il 16esimo gol stagionale di Fabio Longo (36’st). Il capitano biancorosso si procura anche il calcio di rigore del possibile pari, ma Alma si fa ipnotizzare (45’st). Dopo 5 minuti di recupero la Turris deve gettare la spugna: a festeggiare sono il Latte Dolce sul rettangolo verde e l’Ostiamare a distanza per aver accorciato dalla vetta.

 

TURRIS (4-3-3): Lonoce, Esempio, Riccio (34’st Prisco), Varchetta (1’st Da Dalt), Giofré; Palma (1’st Franco), Aliperta, Fabiano (2o’st Fibiano), Alma, Longo, Celiento (23’st Sowe). All.: Fabiano. A disp.: Piazza, Di Dato, D’Alessandro, Forte.

LATTE DOLCE (4-3-1-2): Garau, Maccis, Pireddu, Cabeccia, BIanchi, Antonelli, Marcangeli (14’st Nuvoli), Gadau, Virdis (47’st Molino), Pinna, Palmas (25’st Patacchiola). All.: Udassi. A disp.: Lai, Tuccio, Fini, Grassi. 

ARBITROIgnazio Crescenti di Trapani.

MarcatoriMarcangeli (LD) 19’pt, Bianchi (LD) 4’st, Longo (T) 36’st

NOTE: ammoniti Bianchi, Cabeccia, Varchetta, Riccio, Maccis, Gadau, Pinna, Marcangeli. Espulsi al 33’pt Aliperta e Cabeccia al 43’st. Spettatori: 2000 circa

Potrebbe interessarti

Bufera Lozano, Gattuso lo caccia dall’allenamento

Lozano-Gattuso: alta tensione. Il Corriere dello Sport in edicola domani apre con la notiz…