SCOZIA – I piccoli calciatori con meno di 12 anni non potranno più colpire il pallone di testa in Scozia.

Scozia, vietati i colpi di testa

La Scottish Football Federation passa dalle parole ai fatti e fa sapere che entro fine mese ufficializzerà il divieto negli allenamenti degli under 12 a causa dei rischi di demenza in età adulta. Questa decisione sarebbe stata presa dopo aver analizzato con cura i risultati di alcuni studi recenti condotti dall’università di Glasgow che hanno evidenziato come gli ex calciatori scozzesi avessero una probabilità 3,5 volte maggiore di morire di malattie neurodegenerative rispetto alla media nazionale.

Gli Stati Uniti, già nel 2015, introdussero questo divieto, a seguito di clamorosi scandali di ex sportivi professionisti colpiti dalla demenza in età adulta. Oltreoceano il problema riguardò in particolare il football americano.

Potrebbe interessarti

Coronavirus, saltano tre partite di Serie A

Cresce vertiginosamente il numero di italiani contagiati dal Coronavirus. Un’escalat…