Serie D | Girone I | Gelbison 1-1 ACR Messina

- Advertisement -

A Vallo della Lucania è tempo di scontro al vertice. Per la Gelbison terzo impegno impegno in dieci giorni, un tour de force che si chiuderà il primo di Aprile contro il Biancavilla.
Partita fondamentale per i rossoblù: vincendo, aggancerebbero proprio i messinesi in vetta al Girone I a quota 46, tenendo a distanza l’altra compagine messinese, l’FC Messina, e l’Acireale che sembra aver ingranato la quarta.
Mister Ferazzoli cerca di raffreddare gli animi in conferenza prepartita: “partita importantissima ma non decisiva “, ma non può ignorare che Vallo della Lucania freme per questo match.

ACR Messina in un periodo di forma strepitoso: ha vinto il derby la scorsa settimana e ancora prima ha sconfitto i rivali dell’Acireale. Quattro vittorie consecutive e un primato in classifica che dura da tanto tempo. I ragazzi di Novelli non sembrano intenzionati a fermarsi e arrivano al “Morra” forti della consapevolezza che basta un pareggio per tenere i rossoblù a distanza di sicurezza.

Gelbison – ACR Messina: il primo tempo

Il primo tempo porta in dote del timore reverenziale da entrambe le parti. Nei primi venti minuti le squadre sono contratte, i passaggi imprecisi e un ricorso esagerato ai lancioni abbatte il ritmo della partita, nessuna delle due squadre può permettersi un errore, è una partita troppo importante. La Gelbison è la prima a prendere in mano il pallino del gioco. I più attivi sicuramente De Foglio e Gagliardi, il primo semina il panico sulla fascia, il secondo comincia a scaldare i guantoni di Caruso al 28′ e al 33′.

Dopo le prime folate rossoblù, la capolista si scrolla di dosso la ruggine e ribalta la situazione. Gli ultimi 10 minuti del primo tempo vedono i giallorossi protagonisti mentre la Gelbison fatica a ripartire con precisione. Tuttavia, la retroguardia di casa è attenta, soprattutto il granitico Mautone e si rientra negli spogliatoio a reti inviolate.

Gelbison – ACR Messina: il secondo tempo

Mister Ferazzoli deve aver strigliato per bene i suoi. Al rientro in campo i padroni di casa sono indiavolati: il Messina fatica a fare due passaggi di fila. Il baricentro si alza e Onda e De Foglio sulle fasce seminano il panico tra le linee. Proprio da una fuga sulla destra di quest’ultimo nasce il vantaggio: cross dalla destra, Gagliardi si avvita e colpisce in mezza rovesciata; il tiro è centrale ma è fortissimo, Caruso la sfiora ma non abbastanza: Gelbison in vantaggio, 1-0.

Gli uomini di Novelli faticano a reagire e la loro leadership ora è davvero in discussione. I rossoblù tengono le redini della partita, alzano il ritmo e creano buone occasioni a ripetizione. Le geometrie funzionano, ma il secondo gol ancora non arriva. De Foglio sulla destra è devastante, ma al 75′ s’impunta e vuole saltare tutta la difesa: bella l’azione personale ma dalla palla persa s’innesca il contropiede del Messina, che in quattro e quattr’otto ribalta il campo e mette Addessi contro D’Agostino, che lo batte sul primo palo. 1-1, il Messina ha sfruttato l’unica occasione buona di tutta la gara.

La Gelbison non ci sta e si riversa in attacco, ma la stanchezza si fa sentire e la precisione ne risente. All’80’ D’Agostino salva i suoi da uno svantaggio che sarebbe stato sicuramente troppo severo, mentre l’ultimo squillo è una punzione di Uliano da distanza siderale che spacca in due la traversa.

Finisce 1-1 al “Morra” di Vallo della Lucania, un’occasione persa per i ragazzi di mister Ferazzoli che ai punti forse avrebbero meritato; adesso l’FC Messina, vittorioso a Rende, li aggancia a quota 44 al secondo posto. Oltre al danno, la beffa. L’ACR Messina, cinico, si porta a casa un punto importantissimo, perché mantiene le inseguitrici a distanza di sicurezza. Ora il percorso è in discesa: terminati gli scontri diretti, dovrà solo evitare capitomboli inaspettati.

Gelbison – ACR Messina: il tabellino

GELBISON (3-5-2): D’Agostino; Mautone, Romano, D’Orsi; Onda, Uliano, Graziani, Maiorano, De Foglio; Sparacello, Gagliardi.  A disp.: Simoncelli, Pipolo, Mesina, Di Fiore, Bruno, Stancarone, Iasevoli, Ziroli, Bonfini. All. Ferazzoli.

ACR MESSINA (4-3-2-1): Caruso; Cascione, Lomasto, Sabatino, Giofrè; Cristiani, Aliperta, Vacca; Addessi, Cretella; Foggia. A disp.: Lai, Bollino, Acquadro, Lavrendi, Manfrellotti, Crisci, Mazzone, Boskovic, Polichetti. All. Novelli.

ARBITRO: Iacobellis di Pisa

ASSISTENTI: Salvatori – Cecchi

AMMONITI: Sabatino, De Foglio

MARCATORI: 54′ Gagliardi, 76′ Addessi

- Advertisement -

Articoli correlati

Comments

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Condividi l'articolo

Speciale Europei

Gli ultimi articoli

Newsletter

Subscribe to stay updated.

P