Serie C, Palermo – Cavese 3-2 | Rauti condanna i campani alla retrocessione

- Advertisement -

Allo stadio Renzo Barbera, nella 37^ giornata di Serie C girone C, il Palermo batte la Cavese 3-2, condannandola alla retrocessione con una giornata d’anticipo. Troppi pochi i 19 punti conquistati in quella che è stata una stagione problematica sotto molti aspetti e così gli azzurrostellati finiscono in Serie D. Punti importanti, invece, per i siciliani che raggiungono il Foggia a quota 50 in piena zona playoff.

Palermo – Cavese 3-2, la gara

Periodo positivo per il Palermo, reduce da quattro risultati utili consecutivi. Filippi s’affida ancora a Rauti e Floriano davanti per cercare quella vittoria che consoliderebbe la zona playoff. Sulla fascia destra Doda sostituisce l’infortunato Almici.

Dopo 10 turni, è tornata al successo la Cavese nello scorso match contro il Teramo, rilanciando le seppur flebili speranze salvezza. I metelliani devono vincere a tutti i costi e allora Maiuri dà spazio al trio Senesi-Bubas-Gatto in attacco, con Pompetti in cabina di regia.

Il primo tempo della sfida tra Palermo e Cavese

E’ un match importante per entrambe ed infatti la partenza è a razzo: al 4′ cross teso di Valente, sottoporta Rauti e Doda non ci arrivano per un soffio. Pochi minuti dopo ci prova Floriano che con il destro spara fuori dallo specchio della porta difesa da Kucich. Al 10′ arriva la svolta azzurrostellata: cross di Gatto, errore clamoroso di Accardi che lascia lì il pallone per Bubas che segna lo 0-1 per la Cavese. Palermo in bambola che rischia grossissimo al 17′, quando E.Lancini rinvia un cross di Senesi sulla propria traversa, rischiando di beffare Pelagotti. Kanoutè prova scuotere i suoi con un bel sinistro che finisce a pochi centimetri dalla porta ma al 26′ il portiere ospite Kucich non trattiene un cross di Valente e si fa bucare da E.Lancini, che firma l’1-1 dei rosanero. Oltre al danno la beffa per i metelliani, costretti a sostituire Kucich, infortunatosi, con il secondo portiere Russo, che pochi minuti dopo l’ingresso deve già raccogliere il pallone dal sacco: al 32′, infatti, De Rose lancia Valente che approfitta di una dormita generale della difesa ospite e ribalta il risultato. Brutta botta per la Cavese, che si vede sfuggire dalle mani il vantaggio iniziale. Gli azzurrostellati si rifanno vedere al 37′, con De Franco che per un soffio non riesce a correggere in rete una punizione di Pompetti. Poco prima del duplice fischio dell’arbitro, ci prova Gatto con un tiro a giro che però non inquadra la porta di Pelagotti e lascia il risultato sul 2-1 per i padroni di casa.

Il secondo tempo della sfida tra Palermo e Cavese

La prima occasione della ripresa capita nei piedi di Senesi, che sfrutta un bel pallone lavorato da Bubas e costringe Pelagotti alla respinta coi pugni. L’esterno è ancora protagonista al 60′ ma la sua conclusione trova ancora l’intervento dell’estremo difensore rosanero. Girandola di cambi per entrambi i tecnici, che immettono forze fresche per il finale di gara. Aumentano la pressione i siciliani: al 68′ hanno l’opportunità di chiudere la contesa, ma Luperini calcia alto una sorta di rigore in movimento dopo il tacco geniale di Santana. Appena un minuto dopo è Kanoutè a impegnare severamente Russo con un fendente insidioso. Passano i minuti e la tensione in casa Cavese, che vede gli spettri della retrocessione. Al 76′, però, Matera riporta il punteggio in parità dopo aver vinto un rimpallo a centro area. E’ 2-2 al Barbera, c’è ancora vita per gli ospiti, che poco dopo sfiorano addirittura il sorpasso, con il solito Senesi che parte in campo aperto ma al momento del tiro viene murato. Rispettando il classico leitmotiv della stagione dei campani, tuttavia, appena due minuti dopo arriva il nuovo vantaggio rosanero, in un suicidio azzurrostellato: Russo rinvia maldestramente addosso a Luperini, sul rimpallo s’avventa Rauti e firma il 3-2. E’ la definitiva condanna per i campani, incapaci di reagire se non con qualche fallo di frustrazione che costa anche il rosso a Scoppa. Finisce così, col Palermo nel paradiso dei playoff e la Cavese negli inferi della Serie D.

Palermo – Cavese 3-2, il tabellino della gara

PALERMO (3-4-2-1): Pelagotti; Accardi, E. Lancini (57′ Marong), Marconi; Doda (67′ Luperini), Broh, De Rose, Valente; Kanoutè (73′ Odjer), Floriano (57” Santana); Rauti. A disp.: Faraone, Martin, Silipo. All. Filippi.

CAVESE (4-3-2-1): Kucich (29′ Russo); Matino, De Franco, N. Lancini (62′ Nunziante), De Vito; Cuccurullo (72′ Scoppa), Pompetti (72′ De Rosa), Matera; Bubas, Senesi; Gatto (62′ Gerardi). A disp.: Marzupio, Natalucci, Ricchi, Senese, De Marco, Favasuli, Calderini. All. Grottola (Maiuri squalificato).

ARBITRO: Delrio di Reggio Emilia (Bonomo-Dell’Orco).

MARCATORI: 10′ Bubas, 26′ E. Lancini, 31′ Valente, 76′ Matera, 83′ Rauti

NOTE: ammoniti Pompetti, Cuccurullo, Scoppa, Santana, Accardi, De Vito, De Rosa. Espulso al 93′ Scoppa per doppia ammonizione.

 

- Advertisement -

Articoli correlati

Comments

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Condividi l'articolo

Speciale Europei

Gli ultimi articoli

Newsletter

Subscribe to stay updated.

P