Al “Pinto” si gioca la 26° giornata di Serie C dove i padroni di casa della Casertana affrontano l’Avellino, che arriva dalla bellissima e convincente prestazione contro il Foggia e cercano punti importanti per consolidare il secondo posto in classifica in virtù del risposo di Domenica prossima. Braglia per questo match cambia a centrocampo e in attacco rispetto a mercoledì. 

LA PARTITA – Parte fortissimo l’Avellino, come contro il Foggia, e Bernardotto si divora dopo un minuto il gol del vantaggio. L’attaccante approfitta di un errore dell’estremo difensore locale, ma lo stesso portiere si salva deviando in angolo la sua conclusione. La Casertana risponde con Rosso, che ne approfitta di un liscio dell’argentino Illanes ed è dovuto uscir Forte con i piedi per sventare il pericolo. Insomma dopo tre minuti le due formazioni hanno fatto capire che al “Pinto” sarà battaglia. 

Al 5’ è ancora Bernardotto a rendersi pericolo, ma la sua conclusione viene deviata in angolo da Avella. All’11’ primo cambio per i padroni di casa Izzillo si infortuna, problema muscolare, al suo posto entra Matese. Al 20’ sono gli uomini di Braglia a sfiorare ancora il vantaggio: cross basso di Ciancio, D’Angelo fa velo e favorisce la conclusione di prima intenzione di Sananiello, ma il suo tiro sfiora il palo e termina fuori. Altro brivido per la Casertana. I padroni di casa al 24’ protestano per un fallo in area ai danni di Icardi, ma il direttore di gara lascia correre. Al 26’ l’Avellino, finalmente, la sblocca: punizione di Tito sul secondo palo dove Silvestri buca la difesa locale e batte di testa Avella. Gli irpini ormai dominano e trovano il raddoppio al 34’: azione manovrata da Santaniello che serve Tito, quest’ultimo pennella un cross per Carriero che tira in porta, Avella para, mas nulla può sul tap-in di Bernardotto. 

La Casertana reagisce e al 36’ ci prova con Rosso che in area si gira, ma la sua conclusione termina alto. Sul finire del primo tempo per i padroni di casa si infortuna anche Konate che abbandona il campo: entra Buschiamo. L’Avellino la può chiudere, ma spreca in contropiede. Si va negli spogliatoi con gli ospiti avanti di due reti. 

Nella ripresa la Casertana parte bene, ma spreca tanto e non riesce a crear pericolo alla retroguardia irpina. La formazione di Braglia tiene bene il campo e il tecnico opta subito per un triplo cambio, fuori D’Angelo, Carriero e Bernardotto, dentro De Francesco, Adamo e D’Angelo. Non ci sono particolari azioni, la Casertana sembra rassegnato e l’Avellino non vuole pungere ulteriormente. Al 43’ Maniero spreca il gol del 3-0: Maniero, servito da Forte, entrato poco prima, salta Avella, ma il suo rito termina sul fondo. Dopo quattro di recupero l’Avellino espugna il “Pinto” e in virtù del riposo, forzato, di Domenica prossima consolida il secondo posto in classifica. Gli uomini di Braglia confermano l’ottimo momento di forma e continuano a sperare nella promozione in Serie B. 

 

TABELLINO CASERTANA – AVELLINO 0-2

RETI: 26′ pt L. Silvestri, 34′ pt Bernardotto.

CASERTANA (4-3-3): Avella; Hadziosmanovic, Carillo, Konate (44′ pt Buschiazzo), Rillo; Izzillo (11′ pt Matese), Santoro, Icardi (24′ st Varesanovic); Rosso, Matos (1′ st Cuppone), Turchetta (24′ st Pacilli). A disp.: Dekic, Zivkovic, De Sarlo, De Lucia, Polito, Longo. All.: Guidi.

AVELLINO (3-5-2): Forte; L. Silvestri, Miceli, Illanes; Ciancio, Carriero (17′ st Adamo), Aloi (45′ st M. Silvestri), D’Angelo (17′ st De Francesco), Tito; Santaniello (24′ st Fella), Bernardotto (17′ st Maniero). A disp.: Pane, Rizzo, Dossena, Rocchi, Baraye. All.: Braglia.

ARBITRO: Marcenaro di Genova.

NOTE: gara a porte chiuse. Ammoniti: D’Angelo, Braglia, Konate, Icardi, Aloi, L. Silvestri, Varesanovic. Angoli: 7-4 per l’Avellino.

Potrebbe interessarti

Campania zona rossa: si attende solo l’ufficialità

Visto l’incrementare dei contagi che stanno mettendo sotto assedio Napoli, in primis, ma t…