Per la 27° giornata di Serie C la Juve Stabia di mister Padalino sono di scena in Puglia dove hanno affrontato il Bisceglie. Gara che si presenta subito ostica per le vespe che subiscono il dominio dei padroni di casa. Primo tempo che si chiude a reti inviolate, ma nel momento migliore degli azzurro stellati è la Juve Stabia count bel gol di Borrelli a passare in vantaggio. Vittoria che vale la conferma del sesto posto in classifica che equivale play off. 

LA PARTITA – Primi minuti di studio per le due formazioni. Al 9’ la Juve Stabia protesta per un presunto tocco di mano di Giron, ma il direttore di gara lascia scorrere. Al 15’ prima vera occasione del match: filtrante di Fantacci, ma Altobello legge bene la traiettoria e libera l’area. Al 21’ si rende pericolosissimo il Bisceglie: tiro da fuori di Cecconi che prende in pieno la traversa con Russo battuto, brivido per le vespe. I padroni di casa sembrano aver preso impallano del gioco. Alla mezz’ora circa sono ancora i padroni di casa sa rendersi pericolosi in area: Mansour serve Rocco, quest’ultimo anticipa il diretto avversario, ma l’attento Russo è bravo in uscita e sventa il pericolo. La Juve Stabia si fa vedere in avanti al 37’: punizione tesa in area, Troest la rimette in mezzo dove Marotta clamorosamente colpisce il palo a porta vuota. È l’ultima azione degna di nota del primo tempo. La ripresa si apre con l’ingresso di Basso che prende il posto dell’acciaccato De Martino. Al 53’ è ancora il Bisceglie a rendersi pericoloso: ottimo spunto di Giron che mette al centro per Rocco che ci prova di testa, ma la retroguardia delle vespe è ben attenta. Si resta sullo 0-0, ma con un Bisceglie che la vuole sbloccare e con la Juve Stabia che attende il momento giusto per punirla. Il match si sblocca al 64’: prodezza di Borrelli che raccoglie un lancio dalla difesa, stoppa, controlla e con una deliziosa girata batte l’incolpevole Spurio che può solo vedere la sfera infilarsi in rete. Nel momento migliore degli azzurro stellati gli ospiti passano in vantaggio. Il Bisceglie vuole il pareggio e si getta in avanti lasciando spazio alle vespe che al 74’ hanno la chance di portarsi sullo 0-2: ripartenza di Vallocchia che si involta verso la porta, ma viene fermato dalla difesa locale. Il Bisceglie al 74’ ci prova con un’azione personale di Rocco, ma Russo para. I ragazzi di Papagni sfiorano il pareggio all’82’ con Sartore che dopo un coast to coast entra in area prova un tiro-cross ma Musso non ci arriva e la palla si spegne sul fondo. Dopo quattro minuti sono ancora i padroni di casa con l’ex Erminio, la cui conclusione sfiora l’incrocio dei pali. Brivido per la Juve Stabia. Non succede più nulla e dopo quattro minuti di recupero la Juve Stabia porta a casa un’importantissima vittoria.  Le vespe nella prossima uscita affronteranno l’ostico Bari, che oggi ha vinto di misura contro il Foggia. 

TABELLINO BISCEGLIE-JUVE STABIA 0-1

Rete: 64° Borrelli

Bisceglie (3-4-1-2): 22 Spurio, 3 Giron, 4 De Marino (dal 46° 27 Bassano), 5 Priola, 7 Mansour (dal 67° 24 Sartore), 8 Cittadino, 9 Cecconi (dal 67° 18 Musso), 11 Rocco (dal 76° 14 Makotà), 20 Romizi, 25 Tazza (dall’85° 28 Pedrini), 26 Altobello.  A disposizione: 1 Russo, 13 Zagaria, 15 Ferrante, 16 Gilli, 21 Casella, 23 Maimone. Allenatore: Aldo Papagni.

Juve Stabia (3-4-3): 25 Russo, 4 Elizalde Edgard (dall’82° 28 Esposito), 5 Garattoni, 10 Marotta, 13 Mulè, 14 Berardocco, 20 Troest, 21 Vallocchia (dall’82° 30 Suciu), 24 Caldore (dal 69° 8 Scaccabarozzi), 29 Borrelli (dal 76° 32 Cernigoi), 33 Fantacci (dal 76° 17 Guarracino).  A disposizione: 23 Lazzari, 26 Gianfagna, 15 Iannoni, 18 Ripa, 31 Oliva. Allenatore: Pasquale Padalino.

Arbitro: Davide Di Marco di Ciampino

Ammoniti: Cecconi al 18° per gioco scorretto, Cittadino al 31° per gioco scorretto; Elizalde Edgard al 27° per gioco scorretto; Mulè al 57° per gioco scorretto, Fanatici al 74° per gioco scorretto, Russo all’80° per perdita di tempo.  

Potrebbe interessarti

Champions League: dal 2024 niente sosta invernale

Questa mattina sulle pagine del Corriere dello Sport si legge della nuova idea della UEFA …