Dopo i pari odierni i Ternana, fermato dal Palermo, e del Bari fermato dalla Cavese, l’Avellino aveva un’ottima chance di accorciare il distacco con le prime due in classifica, ma dalla trasferta pugliese i lupi rientrano un punto. Domenica i ragazzi di Braglia scenderanno in campo tra le mura amiche del “Partenio” dove ospiteranno il Palermo.

LA PARTITA – Parte bene l’Avellino che ci prova subito con Santaniello, ma la sua conclusione è alta. Poco dopo è la difesa locale a metterci una pezza su una bella azione iniziata da uno scambio tra Carriero e Santaniello. Al 17’ è ancora l’Avellino a rendersi pericolo: De Francesco recupera palla serve Carriero che dopo aver saltato Maimone fa partire un bolide dove Russo deve impegnarsi per deviarlo in angolo. Avellino ad un soffio dal vantaggi. I ragazzi di Braglia alzano il rito e ancora con Adamo chiama all’intervento l’estremo difensore del Bisceglie. Nel momento migliore dell’Avellino è il Bisceglie a passare in vantaggio. Nasce tutto da un calcio d’angolo: cross di Cittadino in area è ben appostato Cecconi che di testa beffa Forte.  I lupi rispondono subito con Bernardotto che tu per tu con Russo sbaglia. 

Sul finire del primo tempo Cecconi prova una maglia da centrocampo vedendo l’estremo difensore ospite fuori dai pali, ma Forte indietreggia e smanaccia in calcio d’angolo. In pieno recupero Adamo calcia in porta, con Russo che devia di piedi. Si va al riposo con l’Avellino che fa la partita, sprecando troppe azioni e con il Bisceglie che alla prima occasione passa in vantaggio. 

Ad inizio ripresa mister Braglia manda in camp subito Tito e Baraye che prendono il posto di Illanes e D’Angelo. Mossa che premia Braglia che indovina i cambi e acciuffa il pareggio: Carriero manda in tilt la difesa neroazzurrostellata, serve Tito che a sua volta serve Bernardotto che non può sbagliare e infila Russo. 

Il Bisceglie non demorde. Calcio di punizione battuto da Cittadino la prima conclusione si infrange sulla barriera, ma il capitano della formazione locale è lesto a mettere subito al centro dove Forte respinge coi pugni. Braglia si gioca anche la carta Fella che prende il posto di Santaniello. A dieci dal termine Ciancio mette un cross rasoterra in area per Bernardotto, ma la difesa locale libera. A 5’ dal termine Cittadino direttamente da calcio piazzato colpisce il palo. Brivido per Forte e l’Avellino. Nel finale anche i lupi vanno vicino al gol del ko con Dossena, ma il suo colpo di testa termina di poco al lato. Dopo cinque minuti di recupero il signor Luciano fischia al fine del match. Al “Ventura” Bisceglie e Avellino si dividono la posta in palio. La formazione di Braglia spreca una bella chance di ridurre il distacco con Bari e Ternana fermate quest’oggi, mentre il Bisceglie guadagna un ottimo punto in chiave salvezza.

TABELLINO BISCEGLIE-AVELLINO 1-1

RETI: 33′ pt Cecconi (B), 4′ st Bernardotto (A).

BISCEGLIE: Russo; De Marino, Altobello, Vona; Tazza (15′ st Priola), Cittadino, Romizi, Maimone (37′ st Zagaria), Giron; Sartore (24′ st Rocco), Cecconi (15′ st Musso). A disp.: Spurio, Bassano, Ferrante, Casella, Mansour, Rocco, Padulano, Makota, Vitale. All.: Papagni.

AVELLINO : Forte; Illanes (1′ st Tito), Dossena, Silvestri L.,; Ciancio, De Francesco, Carriero (20′ st Aloi), D’Angelo (1′ st Baraye), Adamo (26′ st Rocchi); Santaniello (26′ st Fella), Bernardotto. A disp.: Pane, Rizzo, Silvestri M., Maniero. All.: Braglia.

ARBITRO: Sig. Francesco Luciani della sezione di Roma 1.

AMMONITI: 35′ pt Illanes (A) per comportamento non regolamentare, 28′ st Rocchi (A) e Dossena (A) per gioco scorretto, 32′ st Di Simone (viceallenatore Bisceglie) e 37′ st Silvestri L. (A) per proteste.

Potrebbe interessarti

Champions League: dal 2024 niente sosta invernale

Questa mattina sulle pagine del Corriere dello Sport si legge della nuova idea della UEFA …