È sempre stato un derby affascinante quello tra Avellino e Cavese, peccato che si sia giocato senza pubblico, perchè sarebbe stato il dodicesimo uomo in campo. Lo spettacolo non è mancato le due formazioni si sono affrontate a viso aperto. I padroni di casa vanno in gol con Adamo, ma devono ringraziare Forte che con qualche intervento importante tiene a galla i suoi. La Cavese, che arriva al “Partenio” da due sconfitte, spreca molto e non trova il guizzo giusto. 

LA PARTITA – Parte subito forte l’Avellino he dopo tre minuti con Adamo ci prova, dopo una bella incursione dalla destra. Passano pochi minuti e la partita si sblocca. Bernardotto recupera palla a centrocampo la serve a Santaniello che la cede a Tito, che dalla sinistra lascia partire un bel traversone, in area è abbottato Bernardotto che manda fuori giri Granata, stop di petto di Adamo che con un destro chirurgico batte l’estremo difensore degli aquilotti. 

Al 21’ è ancora la formazione avellinese a sfiorare sul gol con Miceli, ma il suo colpo di testa, da corner di Aloi, termina alto sulla traversa. Intorno al 25’ finalmente si fa vedere la squadra di Campilongo: Bubas salta Miceli e Silvestri si presenta a tu per tu con Forte che in uscita abbassa la saracinesca. Al 30’ la Cavese protesta per un calcio di rigore non fischiato a causa di un contatto dubbio tra un difensore dell’Avellino e Calderini, ma il direttore di gara non è dello stesso parere e lascia scorrere. Si va negli spogliatoi con i lupi in vantaggio. 

La ripresa si apre con una chance per la Cavese che approfitta di un errore di Tito, ma Calderini calcia debolmente. Braglia e Campilongo iniziano la girandola dei cambi. L’Avellino va in cerca del gol del raddoppio, mentre i metelliani cercano il gol del pareggio. Carriero, appena entrato nell’Avellino, sfiora il raddoppio con un tiro dalla distanza, ma Russo para in due tempi. Al 30’ st è ancora Forte a rendersi protagonista con una strepitosa parata di piedi su De Paoli che ci prova a botta sicura. Pericolosa la Cavese. 

Poco dopo gol annullato all’Avellino che era andato a segno con D’Angelo, ma il direttore di gara annulla per un tocco di Fella che manda offside il compagno. Sul finale di gara ancora emozioni da derby. All’87’ è Russo a diventare protagonista opponendosi a un gran tiro dell’ex Fella. In pieno recupero la Cavese sfiora il pareggio con Germinale che spreca un perfetto assist di De Paoli. 

Dopo cinque minuti di recupero termina la partita con i padroni di casa che chiudono il girone d’andata a 31 punti e dimenticano il pari esterno sul campo del Teramo, mentre la Cavese resta ultima e deve trovar la chiave per invertire la rotta. 

Avellino – Cavese 1-0

Rete: pt 10’ Adamo.

Avellino: Forte, Illanes, Miceli, L. Silvestri (44′ st Rocchi), Ciancio, Adamo (17′ st Carriero), Aloi, D’Angelo, Tito (44′ st Baraye), Santaniello (18′ st Fella), Bernardotto (18′ st Maniero). A disp.: Pane, Rizzo, De Francesco, Dossena, Errico. All.: Braglia.

Cavese: Russo, Marzupio, De Franco, Granata (1′ st De Vito, 35′ st Favasuli), Senesi, Lulli (23′ st De Paoli), Cuccurullo, Pompetti, Ricchi, Calderini (40′ st Gatto), Bubas (23′ st Germinale). A disp.: Bisogno, Paduano, Montaperto, Oviszach, Semeraro, Vivacqua. All.: Campilongo.

Arbitro: Giaccaglia. 

Ammoniti: Illanes, Aloi e De Franco.

Potrebbe interessarti

Tesse Manuela nuova allenatrice del Pomigliano

Il Pomigliano di patron Pipola ha una nuova guida tecnica per quanto riguarda la formazion…