LIVORNO – Poteva essere la partita del -1 per il Benevento, visto che il Brescia capolista, è stato fermato dal Cittadella, e invece a trionfare nella 27 giornata di Serie B, è il Livorno, che domina il match e raggiunge il Venezia, piazzandosi momentaneamente fuori dalla zona Play Out. Forse sarà stata la voglia di rivalsa dei padroni di casa, o forse sarà stata la pressione in un momento così importante della stagione, fatto sta che al Picchi, si interrompe una striscia positiva di 10 risultati utili consecutivi per i campani, apparsi davvero irriconoscibili in campo.

LA CRONACA DELLA GARA

Mister Bucchi conferma l’11 che ha battuto il Pescara, mentre il tecnico del Livorno Breda, cambia giustamente qualcosa, dopo la sonora sconfitta a La Spezia. Il primo squillo arriva dopo 3 minuti, con una punizione battuta da Insigne (B) da posizione molto defilata, che però non impensierisce più di tanto Zima.

Il Livorno scalda i motori e prima ci prova con un bel triangolo Diamanti – Murilo, con la conclusione di quest’ultimo ben parata da Montipò all’11’, poi qualche minuto più tardi è Raicevic (L) a sprecare malamente, dopo esser scappato alle spalle della difesa. Il gol del vantaggio non tarda ad arrivare, e al 20′ ci pensa Diamanti a scagliare un sinistro dalla lunghissima distanza, che si abbassa all’ultimo istante trafiggendo un imperfetto Montipò.  Il Benevento prova una timida reazione con un tiro centrale di Coda, ma il portiere respinge facile con i pugni.

Minuto 31, arriva il raddoppio dei padroni di casa, sempre con un ispiratissimo Diamanti, che crossa al bacio da sinistra (dopo un tocco corto su punizione) e trova la testa di Gonnelli sul secondo palo, che sovrasta Maggio e torna a segnare dopo ben 4 anni di astinenza.

Il primo tempo termina senza ulteriori emozioni, e Bucchi prova a giocarsi le carte Ricci e Viola, per alzare il baricentro. Il Livorno però si chiude bene e resta concentrato su ogni pallone, non concedendo spazi alla formazione ospite. Prima infatti è Di Gennaro (L) a chiudere in scivolata su un bel cross di Viola (B) al 60′, poi è Valiani (L) a fermare il neo-entrato Armenteros (B) lanciato a rete.

Al minuto 76′ arriva il colpo del KO: Maggio (B) già ammonito, entra in netto ritardo su Murilo al limite dell’area, e l’arbitro Minelli non può far altro che estrarre il doppio giallo e quindi espellere l’ex Napoli. L’ultima occasione capita ancora sui piedi di Armenteros all’82’, che prova un tiro cross che si infrange sul palo esterno.

Arriva dunque una sconfitta meritata, in quella che forse è stata la peggior partita della stagione dei ragazzi di Bucchi, che adesso non dovranno far crollare tutte le certezze acquisite e dovranno ripartire da quanto di buono fatto fin’ora. Sulla loro strada ci sarà una Cremonese fortemente in crisi di risultati, e che dopo 3 sconfitte di fila, dovrà avere un sussulto d’orgoglio, se vorrà fare punti ed uscire finalmente da un momento molto negativo.

IL TABELLINO

LIVORNO (3-4-1-2): Zima; Di Gennaro, Bogdan (75′ Boben), Gonnelli; Valiani, Luci, Agazzi, Porcino; Diamanti (73′ Giannetti); Raicevic (64′ Dumitru), Murilo

A disposizione:  Neri, Crosta, Eguelfi, Gasbarro, G. Gori, Fazzi, Kupisz, Salzano, Rocca.

All. Roberto Breda

BENEVENTO (3-5-2): Montipò; Volta (56′ Viola), Tuia, Caldirola; Maggio, Bandinelli, Crisetig, Buonaiuto (46′ Ricci), Letizia; Coda, Insigne (70′ Armenteros).

A disp. P. Gori, Zagari, Del Pinto, Antei, Tello, Costa, Improta, Gyamfi, Goddard.

Allenatore: Cristian Bucchi

MARCATORI: 20′ Diamanti (L),  31′ Gonnelli (L)

AMMONITI: 2′ Porcino (L), 32′ Volta (B), 38′ Maggio (B), 79′ Ricci (B)

ESPULSI: 76′ Maggio (B)

ARBITRO: Daniele Minelli di Varese.
ASSISTENTI: Michele Lombardi di Brescia e Fabio Schirru di Nichelino
4° UOMO: Alessandro Prontera di Bologna.

Potrebbe interessarti

Benevento: Ufficiale, Sau è giallorosso!

Il Benevento ha deciso di non aspettare, e di prepararsi al meglio per la stagione 2019-20…