L’anticipo del venerdì tra Brescia e Napoli apre il programma della 25esima giornata di campionato. I lombardi hanno assoluto bisogno di vincere e di invertire la rotta: i punti di distacco dal quartultimo posto ora sono 7 e la salvezza sempre più lontana; segnali di ulteriore ripresa per il Napoli di Gennaro Gattuso, che nello scorso turno di campionato ha espugnato Cagliari grazie alla rete di Mertens. 

PRIMO TEMPO – Un solo tiro in porta per il Brescia ed un gol. Decide un colpo di testa di Chancellor, al 26′, su calcio d’angolo battuto dal rientrante Tonali. Pochi, comunque, i tiri del Napoli che dopo pochi minuti coglie una traversa con Mertens e sfiora in un’altra circostanza la rete sempre con l’attaccante belga. Un Napoli remissivo che ad un’andatura bassissima in pochissime occasioni riesce ad impensierire una retroguardia del Brescia che posizionata benissimo

SECONDO TEMPO – Nei secondi 45 minuti il Napoli parte subito forte e con un altro piglio. Al terzo minuto Mertens tira ed il pallone va a finire sul braccio di Mateju. L’arbitro concede il rigore ma solo dopo aver visionato il VAR, Insigne dal dischetto è freddissimo e pareggia la partita. 5 minuti dopo Fabian Ruiz dal limite dell’area mette le cose in chiaro e con una perla batte Joronen per il vantaggio del Napoli. Nei restanti 30 minuti gli azzurri non concedono tanto al Brescia che però, spinto anche dal pubblico, soprattutto a fine gara cerca di imbastire qualcosa offensivamente. Il Napoli trova alcune buone notizie: Allan in campo dopo tanto tempo al posto di Demme e la terza vittoria nelle ultime quattro, Gattuso sembra abbia trovato la giusta quadratura. aspettando il Barcellona…

Potrebbe interessarti

Reina spiega il Coronavirus: “Per 25 minuti mi è mancato l’ossigeno. La Spagna si è mossa in ritardo”

Pepe Reina è uno dei tanti calciatori che ha dovuto affrontare il calvario del Coronavirus…