Calcio giovanile

Ci risiamo. Non c’è due senza tre. Anche in quel di Caserta c’è chi ha deciso di scendere in campo. Dopo il nostro articolo di lunedì sono pervenute numerose segnalazioni in merito ad una società dell’agro-aversano che ha richiamato in campo i propri giovani tesserati.

Scuola calcio a Caserta si allena nonostante la zona rossa

Diamo così voce alle segnalazioni, alle quali abbiamo trovato conferme. Teatro delle sedute di allenamento in piena zona rossa stavolta è lo stadio comunale di Lusciano. Non sappiamo quali siano le motivazioni che permettono a questa società di ritenersi in regola rispetto alle restrizioni vigenti, anche se un’idea ce la siamo fatta. E dopo aver letto il nostro articolo crediamo che possiate farvela anche voi.

Allenamenti in zona rossa, è corretto?

A questo punto ci chiediamo se sia corretto o meno svolgere allenamenti in zona rossa. Mettere in movimento tante persone che si dirigono al campo. La tragedia che stiamo vivendo ormai da oltre un anno ci insegna a dover prestare molta attenzione per evitare che si possa espandere il contagio da Covid-19. Oltre le leggi, gli escamotage ed i sotterfugi, vogliamo porre l’interesse sugli aspetti morali e sociali che un contesto di calcio giovanile dovrebbe avere come input principali.

Siamo certi che le autorità sportive e civili abbiamo ben presente le attività che possono o non possono svolgersi. Diamo poi al contesto generale la libertà di giudizio in merito a quanto stiamo vivendo. Noi resteremo vigili e stiamo provando a dare voce a coloro che stanno subendo in maniera pesantissima la crisi sociale ed economica dovute alle restrizioni. Sin dalla prima ora ci battiamo per il ritorno in campo dei più giovani, in condizioni di sicurezza per gli atleti e gli addetti ai lavori.

Potrebbe interessarti

Polemiche Benevento, Inzaghi al Club di Sky: “Voglio retrocedere con errori miei non degli altri”

Continua la lunga scia di polemiche scaturite dallo scontro salvezza tra Benevento e Cagli…