Gli inquirenti delle Questure di Napoli e Milano sono al lavoro per scoprire chi, in occasione degli scontri avvenuti prima del match tra Inter e Napoli, giocato il 26 dicembre scorso, abbia investito uno dei leader della curva del Varese Daniele Belardinelli, provocandone la morte.

I fatti

In quell’occasione gli ultras interisti, spalleggiati da altri del Nizza e del Varese, tesero un vero e proprio agguato ai tifosi napoletani che si stavano recando allo stadio.

Oltre 100 tra tifosi di Inter, Varese e Nizza aggredirono circa 80 napoletani, dando vita ad una vera e propria caccia all’uomo.

Mazze, spranghe e bastoni sono solo alcune delle armi utilizzate nella rissa, al termine della quale ci sono stati anche numerosi feriti.

Le Indagini

Dopo gli scontri la polizia fermò tre ultrà interisti, uno dei quali si è poi pentito, indicando il 34enne Marco Piovella come mente dell’agguato. Quest’ultimo ha sì ammesso di aver preso parte all’aggressione, senza però fornire altre informazioni utili riguardanti il piano ideato.

Sono 23 i Napoletani fin qui iscritti al registro degli indagati per la morte di Belardinelli. Le accuse per loro sono di omicidio volontario e rissa aggravata.

Quattro le auto sequestrate grazie ai video a disposizione degli inquirenti, che hanno permesso di identificare le targhe dei veicoli coinvolti.

Bisogna ora scoprire quale di queste abbia investito Belardinelli, facendogli perdere la vita.

La sensazione è che nei prossimi giorni ci saranno novità importanti in questo senso.

Potrebbe interessarti

Castrovillari-Portici, muore sostenitore della squadra di casa

La vittoria del Portici 1906 contro il Castrovillari (1-3 il risultato) passa in secondo p…