Giornata di presentazione in casa Savoia, con il club biancoscudato che ha indetto una conferenza stampa per presentare l’allenatore, Carmine Parlato, ed alcuni nuovi acquisti. Queste le parole dei protagonisti:

ELENA ANNUNZIATA (Presidente Savoia):

”Io ho sempre seguito il calcio e sono onorata di essere insignita di questa carica per il nome altisonante di questa squadra. Cercherò di essere presente ma demanderò gli incarichi principali ai dirigenti che già conoscete”.

GIOVANNI RAIS (dg Savoia):

”Ci sono stati dei cambiamenti nell’organigramma, Francesco Annunziata ha dovuto rinunciare alla carica di presidente a causa di impegni lavorativi che lo porteranno fuori Italia. È cambiata l’addetto stampa, il nostro Luca Espinosa farà anche il team manager. Fabio Visone, che lo scorso anno era il responsabile degli scout, diventa il responsabile di tutto il settore giovanile perché è un settore che purtroppo non potrò seguire come vorrei. Abbiamo aperto una scuola calcio al Vomero, l’Ares Savoia: vi posso assicurare che ben presto anche Torre Annunziata avrà una scuola calcio Savoia. Il futuro di questa società è la famiglia Mazzamauro: è lui la garanzia per una piazza come questa”.

ALFONSO MAZZAMAURO (Presidente Onorario Savoia):

”Ormai mi sento un po’ di Torre Annunziata, spero di meritare le belle parole che mi sono state rivolte. Lo scorso anno abbiamo fatto belle cose, quest’anno ci miglioreremo. Ringrazio mister Campilongo che ha fatto tanto per noi e do il benvenuto a mister Parlato che sono sicuro farà grandi cose. Chiediamo solo di lavorare in serenità e daremo a questa città il calcio di spessore che merita: il futuro è roseo e quest’anno ci divertiremo, Torre Annunziata ci stia vicina. Dobbiamo farci valere in Federazione perché chi vince i playoff dovrebbe avere più possibilità. Oggi combattere contro squadre che investono milioni di euro non è semplice, arrivare in semifinale playoff e perdere immeritatamente contro una corazzata contro i playoff non è poco. Emanuele Filiberto? L’ho incontrato per motivi personali e abbiamo parlato del più e del meno, non ho fatto richieste e l’ho invitato al campo. Poi se son rose fioriranno, io sono aperto a tutti i discorsi ed avere uno come lui in società sarebbe motivo d’orgoglio. Abaiyan è venuto nel mio studio con i suoi procuratori, la trattativa stava saltando ma il ragazzo si è alzato e ha detto ‘voglio venire al Savoia’, nonostante avesse quattro offerte migliori delle nostre. Costantino è un giocatore che ha creato Marco Mignano, io gli voglio bene e se non è qui è perché parla molto, spesso senza pensare. Sul campo dà il massimo ma fuori non è così. Dovrebbe ringraziare questa società e Mignano”.

MARCO MIGNANO (ds Savoia):

”Ringrazio ancora la famiglia Mazzamauro che mi permette di lavorare in una piazza così importante. Sono un uomo di poche parole, mi piace fare i fatti per costruire un Savoia ancora più forte. Stiamo lavorando tanto sul mercato, cerchiamo professionisti prima ancora che calciatori. Dello scorso anno sono rimasti Poziello, Guastamacchia, Gatto, Rekik e Liguori. Oltre ai già annunciati Luciani e Tascone, abbiamo preso Dionisi e Abaiyan. Costantino si riferiva a me, dico solo che lo ringrazio per quello che mi ha dato”.

CARMINE PARLATO (allenatore Savoia):

”Mi fa un grande effetto essere qui, sono molto stimolato di lavorare qui ed ho grande voglia. La Serie D è basata sulla gestione di giovani importanti: sul numero di over, credo che vada presa gente che giochi e soprattutto che abbiamo carisma, personalità e motivazioni. Bel gioco? L’importante è vincere le partite, certamente col bel gioco sarebbe meglio ma l’importante è vincere. Mai allenato in Campania? Certamente cambia la caratteristica del girone, ma con l’aiuto della società troveremo i giocatori con le caratteristiche idonee. Il girone dove andremo non conta, l’importante è costruire la squadra secondo il mio credo. Non abbiamo paura di nessuno”.

Potrebbe interessarti

San Tommaso-Savoia, le dichiarazioni dalla sala stampa nel post partita

Al termine della partita tra San Tommaso e Savoia, ecco le voci dalla sala stampa dello st…