Allo Stadio Giraud va in scena Savoia-Marina di Ragusa. Mister Parlato, tenuto conto delle numerose assenze, rivede la formazione titolare: Prudente; Tourè, Riccio, Poziello; Rondinella, Chironi, Gatto, Osuji, Oyewale; Cerone, Orlando.

Il Marina di Mister Utro, dal canto suo, si schiera con: Pellegrino, Pietrangeli, Sidibe, Calivà, Puglisi, Giuliano, Mauro, Schisciano, Di Bari, Mistretta e Diop.

La partita

Inizio di match ragionato, con il Savoia che palleggia palla a terra chiamando in causa tutti gli effettivi in campo.

Al minuto 8, Oyewale sfonda sulla sinistra e serve un buon pallone al centro, ma nessuno degli attaccanti arriva sulla sfera.

Passano 120 secondi ed arriva il cross dalla destra, Cerone impatta di testa ma senza inquadrare la porta dei siciliani.

Minuto 15, ancora Cerone protagonista con una conclusione da fuori area: c’è la potenza, manca la precisione.

Al 23’ del primo tempo i Bianchi si rendono protagonisti di un’azione avvolgente, definita da Gatto: cross morbido per la testa di Osuji, che tocca ma senza creare pericoli alla difesa del Marina di Ragusa.

Passano 2 minuti e Chironi va al cross in area, tocco di mano del difensore degli ospiti ma per l’arbitro Milone non c’è rigore.

Al 29esimo ancora Savoia in avanti: gran botta di Gatto, su cui Pellegrino interviene in due tempi.

Minuto 33, gli oplontini cercano di sbloccare il match con uno schema da calcio d’angolo: palla all’indirizzo di Chironi che calcia di piatto ma la difesa degli ospiti devia in angolo.

Grande chance al 39’: cross profondo per Rondinella, che colpisce di testa ma non inquadra la porta.

A due minuti dalla fine della prima frazione di gioco, altra grande occasione per gli uomini di Parlato: inserimento di Chironi, che scarica per Orlando, il numero 9 va al tiro rasoterra e sfiora il gol del vantaggio.

Dopo 1 minuto di recupero, Milone fischia due volte e mette fine alle contese.

La ripresa

Il secondo tempo si apre così come si era concluso il primo: Chironi ruba palla in area e calcia a botta sicura, ma Pellegrino respinge.

Il Marina di Ragusa risponde subito: Mauro sfrutta una disattenzione difensiva di Riccio e va al tiro, la palla finisce sull’incrocio dei pali ed esce fuori.

Mister Parlato ricorre al primo cambio: dentro De Vena, fuori Chironi.

Al minuto 8, occasione per il Marina di Ragusa: errore di Tourè in area, Sidibe calcia ma la palla si spegne oltre la traversa. Vincenzo Gatto finisce sul taccuino del direttore di gara, che gli mostra il cartellino giallo.

Qualche manciata di minuti dopo anche Poziello viene ammonito per un intervento irruento a metà campo.

Al quarto d’ora magia di Cerone col tacco, ma Mauro lo stende e si becca il giallo: proteste dei Bianchi per il mancato vantaggio concesso dal direttore di gara.

Al 23esimo arriva il momento di Bozzaotre e Romano, che prendono il posto di Tourè e Rondinella.

Il neo entrato ha la palla del vantaggio sul sinistro, ma calcia lontano dalla porta.

Il Marina di Ragusa risponde con Diop, ma Riccio è bravo a rimpallare il tiro.

Ad un quarto d’ora dal termine arriva il momento di Angelo Scalzone, il quale sostituisce Cerone.

Mister Utro risponde con: Suma e Verachi al posto di Diop e Mauro.

Al 33esimo Oyewale si rende protagonista di una grande incursione in area, palla per Scalzone che, da posizione favorevole, calcia fuori.

Sempre il terzino sinistro in evidenza dopo 3 giri d’orologio: conclusione mancina indirizzata verso il primo palo e palla fuori di poco.

Mister Utro inserisce Cervellera per Di Bari; sull’azione seguente ammonito anche Sidibe.

Al 39esimo Scalzone salta il diretto marcatore e calcia verso il primo palo: palla fuori.

60 secondi dopo fanno il loro ingresso in campo Diakitè e Carnemolla al posto di Orlando e Sidibe.

Nei 5 minuri di recupero concessi da Milone il Savoia tenta l’arrembaggio finale ma senza sbloccare il risultato: è 0-0 allo Stadio Giraud.

Francesca Flavio

Potrebbe interessarti

Castel San Giorgio: continua la preparazione di mister De Cesare

di Francesco Monaco Continua la preparazione del Castel San Giorgio in vista dell’in…