zlatan ibrahimovic

Sassuolo e Milan sono senz’altro tra le due formazioni più in forma del campionato post lockdown. Come da premesse la sfida del Maipei Stadium ha regalato emozioni agli appassionati davanti la tv.

Tutto nel primo tempo

Spettacolo regalato nel primo tempo dalle due formazioni. Sale subito in cattedra infatti, Zlatan Ibrahimovic, coadiuvato da uno straordinario Calhanoglu. Proprio il turco al 19′ mette un pallone al bacio per lo svedese, che di testa batte per la prima volta Consigli. La combinazione si ripete in pieno recupero del primo tempo. Stavolta l’assistenza turca arriva con un bel filtrante che mette Ibra da solo davanti al portiere neroverde. Troppo facile per l’ex interista battere Consigli per la seconda volta. In mezzo un rigore trasformato in gol dal solito Caputo, che era valso il momentaneo pareggio emiliano. Decisivo era stato il tocco col braccio di Calhanoglu, visto dall’occhio elettronico del VAR. Ancora nel recupero del primo tempo il Sassuolo rimane in dieci per l’espulsione di Bourabia per doppia ammonizione.

Risvolti

Un’abbuffata di emozioni che lascia il secondo tempo alle semplici statistiche, consegnando alla classifica un Milan al quinto posto. Scavalcata la Roma che stasera sfiderà la Spal, già retrocessa in Serie B. Si tratta del nono risultato utile di fila per il team di Pioli, che dal ritorno in campo non ha mai perso. L’ultima sconfitta infatti, è datata 8 marzo 2020. A San Siro ebbe la meglio il Genoa, poi il lockdown.

Si ferma invece, ad otto la striscia positiva della squadra di De Zerbi. I neroverdi dopo la sosta forzata si erano fermati solo nel recupero con l’Atalanta. Questa sconfitta segna praticamente il solco in classifica tra le squadre che giocheranno in Europa la prossima stagione ed il “resto d’Italia”.

Sassuolo – Milan 1-2: gol e highlights della sfida al Maipei Stadium

Potrebbe interessarti

Christian dell’Aversano, si accascia a terra durante una partita di calcio e muore

Un giovane ragazzo di 22 anni, Christian Dell’Aversano, ha accusato un malore mentre gioca…