di Raffaele Cioffi

Dopo l’arrivo in quel di Sarnano domenica sera, e la seguente sistemazione in Hotel, la Salernitana nella mattinata di lunedì ha dato il via, a tutti gli effetti, al ritiro. I calciatori granata, dopo la colazione, si sono ritrovati agli ordini di Fabrizio Castori.

La squadra ha lavorato prima nel chiuso della palasport, facendo attivazione, per poi essere divisa in due gruppi. Uno, composto da tutti gli under e da Kalombo, è sceso sul green del Maurelli (in buone condizioni) con mister Castori, il suo vice Bocchini, il collaboratore Pestrin e il figlio Marco (match analyst), che si è servito anche di un drone per monitorare la seduta, l’altro, con i restanti componenti, è rimasto all’interno del palazzetto con il preparatore atletico Pescosolido. Al termine i due gruppi si sono ovviamente invertiti.

Castori, apparso carico e motivato, ha chiesto subito tanta intensità ai suoi, impostanto il lavoro sulla fase difensiva, sulla riconquista del possesso palla e sull’uno contro uno. Ha corso a parte Milan Djuric, non si è allenato Andreas Karo. Al termine della seduta si è allenato individualmente il “nuovo” Casasola (per lui un ritorno), che doveva ancora adempiere al protocollo anti Covid. Lavoro a parte anche per i portieri con il preparatore Foti. Gli allenamenti, per ora, si svolgeranno a porte chiuse.

Potrebbe interessarti

Fantacalcio, le 5 rivelazioni del finale di stagione: riecco Dybala!

Nove giornate al termine del campionato, e leghe di fantacalcio pronte ad entrare concreta…