Ricorsi, la spunta il Giugliano 1928

- Advertisement -

Lo storico club di Giugliano, che ha militato quest’anno nel campionato di Serie D, retrocedendo in Eccellenza, prima che il presidente Mario Pellerone ne sospendesse l’attività, ha vinto il ricorso presentato per il ripescaggio in Serie D, nonostante mancassero i requisiti per l’appello al tribunale sportivo. Sembra, dunque, che Roberto Franceschini, che ha di recente spostato il titolo della società a Casoria possa ottenere ufficialmente la Serie D a causa del buon piazzamento in graduatoria dei tigrotti. La sentenza del Consiglio direttivo della LND, comunque, invita ad aspettare i provvedimenti della FIGC sulla composizione degli organici della Serie C ed eventuali sentenze della giustizia sportiva, prima di proseguire con la composizione della griglia dei ripescaggi per la Serie D, affidata al presidente della LND. Comunque, ai fini dei ripescaggi, bisogna  prestare attenzione alla graduatoria già esistente, che vede il Giugliano in ottima posizione. Intanto, la città di Giugliano, aveva conosciuto la fondazione di un nuovo in seguito al trasferimento del titolo del Savoia, voluto dai fratelli Mazzamauro. Sembra da escludere la compresenza nella medesima categoria di due squadre di Giugliano, dal momento che Franceschini, nella stagione 2019/2020 rifiutò di rilevare il titolo della squadra di Ponticelli, in virtù della costituzione di un altro sodalizio che rappresentava il quartiere, per cui sarà il Giugliano Calcio 1928, fondato a luglio dai fratelli Mazzamauro  a rappresentare la tradizione calcistica dei tigrotti. Il club di Franceschini e la società dei fratelli Mazzamauro, comunque, continueranno a mantenere le vecchie denominazioni dal punto di vista federale (FC Giugliano 1928 e US Savoia 1908), nonostante il cambio di sede, perché è scaduto il termine per l’aggiornamento del nome societario.

Il caso Livorno

Gli amaranto, invece, già retrocessi dalla Serie C e disposti in stato di liquidazione per gli ingenti debiti maturati, sono stati esclusi dalla Serie D. La Co.Vi.So.D. ha respinto il ricorso del Livorno sulla base dell’inadeguatezza del campo di gioco, di debiti con la Lega Pro lasciati insoluti, della mancata presentazione della lista dei tesserati  e della mancata dichiarazione da parte della difesa di un regolare e completo pagamento degli stessi. Dunque, il prestigioso club di Livorno, a causa di questa sentenza sparisce definitivamente dal mondo del calcio. Per preservare la tradizione della città, bisogna sperare nell’avvento di una nuova proprietà.

https://photos.app.goo.gl/8aGAkoiU1U2S3AYB6

- Advertisement -

Articoli correlati

Comments

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Condividi l'articolo

Calendario 2021-22: Serie A, Serie B, Serie C, Serie D

Gli ultimi articoli

Newsletter

Subscribe to stay updated.

P