8 ottobre 2016

ISOLA DI PROCIDA 2 – 1 PORTICI 1906

ISOLA DI PROCIDA (4-2-3-1): Lamarra; Chiaro, Micallo, Signore, Del Prete; Rinaldi, Cariello (9’ st Muro); Dodò (38’ st Spilabotte), Agata, Bacio Terracino (28’ st De Giorgi); Fragiello. (In panchina Bardet, Viscardi, Annunziata, Roghi) All. Cibelli Francesco

PORTICI 1906 (5-3-2): Mola; Visone, Esposito (1’ st Scielzo), Follera, Fiorillo (28’ st Fava Passaro), Rullo (41’ st Boussada); Panico, Olivieri, Sardo; Murolo, Incoronato. (In panchina Testa, Ragosta, Botto, Manzo) All. Borrelli Pasquale

ARBITRO: Andrea Bordin di Bassano del Grappa (ass. Michele Di Capua di Nola e Pierfrancesco Iodice di Caserta)

RETI: 7’ pt Cariello, 3’ st Dodò, 16’ st Incoronato (Po)

NOTE: calci d’angolo 4-4. Ammoniti Lamarra, Chiaro, Rinaldi, Fragiello (Pr), Visone (Po). Espulso all’11’ st Agata (Pr) per somma di ammonizioni. Durata pt 45’, durata st 50’. Spettatori 500 circa.

Il Procida batte il Portici allo Spinetti, vince il big match della quinta giornata del campionato di Eccellenza e porta a casa tre punti fondamentali. Quarto successo in cinque gare per i biancorossi, il terzo consecutivo allo Spinetti. Con una grande prestazione nei primi 55′ e con tanta sofferenza, ma molto cuore e carattere, nella parte finale. I biancorossi partono subito benissimo e al 7′ trovano il vantaggio grazie ad una fantastica punizione di Cariello che, dopo aver sbattuto sulla traversa, supera Mola. I biancorossi continuano a fare la partita ma di vere occasioni, nella prima frazione, non ce ne sono. Nella ripresa, invece, la partite è emozionante. Al 3’ Bacio Terracino pesca Dodò con un preciso passaggio filtrante, l’attaccante capoverdiano si coordina alla perfezione e batte Mola con un grande diagonale. Sul 2-0 la partita sembra chiusa ma il Portici reagisce con prepotenza. All’8’ Scielzo si presenta a tu per tu con Lamarra ma il giovane portiere biancorosso respinge la conclusione con un vero e proprio prodigio. All’11’ Agata viene ammonito per la seconda volta, dopo un contrasto a centrocampo, lasciando il Procida in 10. E cinque minuti dopo Incoronato riapre la partita, raccogliendo la palla in area di rigore e battendo Lamarra con una precisa girata. Alla mezz’ora, in occasione di un cross dalla sinistra, la palla arriva sul destro di Murolo che calcia a botta sicura trovando la provvidenziale respinta di Micallo sulla linea. Nel finale, invece, è il palo a respingere una conclusione dal limite dello stesso Murolo. Il Procida resiste, con carattere e cuore. E, dopo cinque minuti di recupero, può partire la festa dello Spinetti.

Potrebbe interessarti

NOCERINA

19/09/2018 Ripreso il lavoro di allenamenti per i  rossoneri sul campo di Piedimonte, dopo…