CASAVATORE. Il Casavatore è ad un passo dalla salvezza nel Girone A di Prima Categoria e la società granata si sta giù preparando al prossimo anno con la voglia di essere tra le protagoniste. Piazza storica ed affamata di calcio ma che per troppo tempo è stata lontana dal giro che conta.

Casavatore punta a rinverdire i fasti di un tempo grazie alla spinta di Pietro De Maio, presidente della compagine granata che, una volta rilevata la società a novembre, ha portato la squadra di Pezzella e Mugione ad un passo dal mantenimento della categoria, primo step di un ciclo che vuole essere vincente.

 

Le parole del patron De Maio

Un successo contro la Virtus Afragola – spiega il numero uno granata – ci servirà per tenere a distanza le inseguitrici e per avvicinarci ancor di più alla salvezza.Conosco da poco la realtà di Casavatore, essendo arrivato a novembre. Quando sono subentrato in società ho puntato fin da subito a creare un progetto vincente in una piazza affamata ma che però è decisamente depressa dai risultati deludenti degli ultimi anni. Qui c’è una struttura importante e dei tifosi vogliosi di vittorie ed è per questo che mi ha affascinato questa piazza

 

De Maio parla del suo primo anno in granata

 È stata una stagione un po’ travagliata. La vecchia dirigenza era partita con l’obiettivo di centrare i playoff ma sono venute a mancare parecchie cose. Mi sono quindi adoperato per salvare la società e la stagione ed una volta raggiunta la permanenza in Prima Categoria valuteremo di disputare un campionato di vertice il prossimo anno, perché Casavatore non vuole giocare solo per partecipare

 

Casavatore è un comune commissariato e il prossimo 26 maggio si voterà per eleggere il nuovo consiglio comunale, una data fondamentale per De Maio

Col comune commissariato è complicato interloquire con le istituzioni. Mi auguro che il nuovo sindaco dedichi il giusto spazio alle problematiche dello sport ed è per questo che stiamo valutando i programmi elettorali di tutti i candidati”.

Uno sguardo al recente passato ed uno al futuro per un Casavatore che vuole vincere

Dobbiamo ripartire il prossimo anno dallo spirito che ho visto in campo contro nelle gare contro Chiaiano e Lokomotive Flegrea, due corazzate. Aspettiamo la fine del campionato per valutare la conferma dello staff tecnico e di alcuni calciatori. Voglio ringraziare lo staff tecnico, mister Pezzella e Mugione per l’impegno profuso e la professionalità dimostrata anche nei momenti più bui ed è anche merito loro se stiamo parlando di una salvezza tranquilla. Ringrazio anche il nuovo capitano Giordano che ha preso la squadra per mano quando è stato chiamato a ricoprire un ruolo così delicato

Potrebbe interessarti

Napoli, Milik si ferma ancora. Infortunio per l’attaccante

Brutte notizie per il Napoli e per i suoi tifosi, oltre che per Ancelotti ovviamente. S…