Succede di tutto nella sfida tra Portici e Picerno. Al San Ciro si sfidano due formazioni in piena lotta per i propri obiettivi stagionali e lo si è visto. I vesuviani, alla ricerca di una salvezza che sembra sempre più allontanarsi, i lucani per guadagnarsi un posto nei playoff. Le due formazioni, dunque, danno vita ad un match scoppiettante, caratterizzato da continui capovolgimenti di fronte. Nota positiva per il Portici la doppietta realizzata da Salvatore Elefante, neo acquisto che prova a dare una scossa agli azzurri in questo rush finale.

La Partita

Portici e Picerno avevano bisogno di fare punti ed a farla da padrona in campo è stata la cattiveria agonistica. Partono subito forte gli azzurri, con l’intento di dare un segnale importante ai propri tifosi e così al’8′ arriva la prima rete della gara: su calcio d’angolo Nappo serve Donnarumma, che svetta e batte Giuliani. Passa qualche minuto e gli ospiti pareggiano subito i conti grazie allo stacco di Kone su cross di Esposito. Al 20′ Kosovan da pochi metri batte un colpevole Cappa e realizza la rete dell’1-2. Il tris arriva al minuto 27, quando Esposito serve Iadaresta che insacca il tris.

Il Portici però non molla e sul finire della prima frazione accorcia le distanze con Elefante: è ancora una volta Nappo a servire l’assist su calcio d’angolo. Bravo l’ex attaccante di Villafranca e Rieti ad anticipare tutti e realizzare.

Parte ancora bene il Portici nella ripresa: al 46′, infatti, è ancora uno scatenato Elefante a portare i suoi in parità capitalizzando l’ottimo assist di Gennaro Donnarumma dalla sinistra. Dopo la rete del pari gli uomini di Mattiacci difendono il punto con le unghie e con i denti, provando a ripartire quando possibile. L’episodio chiave del match arriva al minuto 87: il direttore di gara assegna un rigore quantomeno dubbio in favore degli ospiti. Esposito realizza la rete del definitivo 3-4 e regala tre punti importantissimi ai lucani.

La classifica

Terza sconfitta consecutiva per gli azzurri. Gli uomini di mister Mattiacci stavolta si rendono maggiormente pericolosi in fase offensiva, ma pagano ancora una volta gli errori in difesa. I vesuviani, dunque, rimangono a quota 19 punti in compagnia della Puteolana, con sole due lunghezze di vantaggio sul Gravina ultimo della piazza. Domenica 18 aprile gli azzurri sono chiamati a fare l’impresa sul campo del Nardò: all’andata il Portici si impose con un largo 6-1. La sensazione è che, arrivati a questo punto del campionato, non ci si possa più permettere errori.

 

Potrebbe interessarti

Cagliari-Fiorentina: formazioni ufficiali

Il Cagliari di Semplici alla ricerca dei tre punti necessari per conquistare la salvezza m…