di Domenico Oione

Senza mezze parole, l’attaccante del Napoli Amin Younes, attraverso T-On Line, si pone di traverso al modo di agire del mondo del calcio nei confronti dei calciatori. Già da tempo diversi atleti avevano esternato un certa posizione tenuta “compressa” da questo mondo nei loro confronti. Il tedesco ha sottolineato quanto in questo mondo i calciatori vivano una condizione di stato “spersonalizzato”.

Parole dirette

Così Younes: “Noi siamo addestrati ad essere ignoranti, quasi tutto ci viene tolto. Possiamo pulirci da soli soltanto le nostre scarpe, poi non dobbiamo occuparci di nient’altro. Pochissime persone sanno cos’è un conto di risparmio, ad esempio. Per non parlare del fatto che quasi nessuno sa cosa vuole fare dopo aver smesso con il calcio”.

Continuando, il calciatore, esprime il rammarico per la mancanza di attenzione e vicinanza mostrate dai vari club nei loro confronti per un aiuto che abbracci i vari campi come quello sociale e finanziario in modo da sostenerli nel percorso di vita calcistica.

Potrebbe interessarti

Nola | Il saluto a Montervino del presidente De Lucia

di Domenico Oione Si è congedato l’ex del Napoli e della Salernitana dando l’addio alla so…