Partite Serie A: il punto della 36° giornata

- Advertisement -

Manca solo un’ultima gara per la conclusione della trentaseiesima giornata di Serie A, ma il posticipo di stasera tra Crotone e Verona è ininfluente ai fini della classifica di entrambe le squadre, come ininfluenti sono ormai molti risultati di queste restanti giornate prima del rompete le righe, come quella tra Inter e Roma, in cui tutti si sono divertiti e i primi hanno vinto (3-1).

Partite Serie A: ancora aperta la qualificazione Champions

Deciso da tempo il campionato, resta viva la lotta per le qualificazioni alla Champions della prossima stagione, oltre che quella per l’assegnazione dell’ultimo posto per la retrocessione. Per quel che riguarda la prima, hanno vinto tutte le squadre implicate, resta ancora complicato il nodo da sciogliere.

L’Atalanta ha superato quasi in scioltezza il Benevento (2-0), esaltando tutta la sua superiorità tecnica e atletica, conservando il secondo posto al pari del Milan, mentre per la squadra di Pippo Inzaghi la retrocessione si fa sempre più concreta, appesa ormai più alle sorti degli altri che a sé stessa. Si esalta il Milan contro il Torino, sull’onda dell’entusiasmo per la vittoria di domenica in casa della Juventus, i rossoneri non hanno pietà di un toro imbolsito, maltrattandolo con ben sette picche nella schiena.

Il Milan inguaia il Torino

La vittoria della squadra di Pioli non fa una grinza, naturalmente, ed era nei pronostici, ma in questo modo, con una squadra granata che della grinta ha sempre fatto la sua bandiera, nessuno se lo aspettava, anche considerando che la squadra di Nicola non è ancora salva, come magari incautamente avrà pensato qualche giocatore.

I granata hanno fatto un grande recupero, ma il cammino non è ancora compiuto e, considerando che devono affrontare in successione lo Spezia e il Benevento, con in mezzo il recupero contro la lanciata Lazio, pensare che arriveranno quei due/ tre punti che servono per la salvezza non è così scontato. Ritornando alla zona Champions, non ha difficoltà nemmeno il Napoli contro una spenta Udinese, ma al di là dei numeri (5-2) quello che impressiona al momento dei partenopei è lo stato di forma e la fluidità di gioco, che veramente fanno aumentare i rimpianti per la mancata, causa infortuni e vicissitudini varie, lotta per lo scudetto.

I rimpianti della Juventus

Di rimpianti ne avrà tanti di più anche la Juventus: finalmente con un’idea di gioco, con una strategia vincente, i bianconeri si sono imposti in casa di un combattivo Sassuolo. Dico idea di gioco e strategia vincente perché raramente si sono viste in questa stagione, in cui tutto è sembrato troppo spesso molto casuale e confuso. Chiaro il riferimento a Pirlo, ma più che una colpa, ampiamente condivisibile con altre entità della società, un invito a farne esperienza per il suo futuro in panchina, in bianconero o dove sarà.

La Juventus ha atteso la squadra di De Zerbi, le ha lasciato l’animo giochista senza prestare il fianco alle sue aggressioni, è stata anche fortunata, ma quando è ripartita in contropiede è stata assolutamente letale, e il risultato lo dimostra. I rimpianti, alla luce di prestazioni così e oltre i limiti fisiologici, che pure ci sono, aumentano per quel che poteva essere e non è stato, anche perché i campioni, alla fine hanno risposto, come Cristiano Ronaldo e Dybala che, con le reti di ieri, tagliano il traguardo dei cento gol in bianconero.

La Lazio resta in corsa

Detto della Lazio che resta in corsa in maniera fortunosa, superando il Parma dei giovani solo in pieno recupero con una rete di Immobile (1-0), pareggiano tra loro nel più scontato degli zero a zero Cagliari e Fiorentina, con la seconda salva e il primo quasi, così come lo Spezia che pareggia nel derby con la Sampdoria, e si salva anche il Genoa che vince a Bologna (2-0).

Prossimo turno Serie A: il derby d’Italia

Tutte le attenzioni della prossima giornata saranno sul derby d’Italia tra Juventus e Inter e su derby tra Roma e Lazio, partite mai banali al di là della posta in palio, attenzioni concentrate anche sulla sfida salvezza tra Spezie a Torino e su quella tra Milan e Cagliari, che interessa la testa e la coda della classifica.

- Advertisement -

Articoli correlati

Comments

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Condividi l'articolo

Speciale Europei

Gli ultimi articoli

Newsletter

Subscribe to stay updated.

P