Crisi nera, adesso la panchina di Ancelotti è a rischio. Il Napoli non guarisce, anzi addirittura crolla al San Paolo: il Bologna vince in rimonta 2-1, mostrando tutta la grinta di Sinisa Mihajlovic, che oggi non era in panchina ma che presto tornerà sulla panchina rossoblù. Eppure gli azzurri, applauditi timidamente fin dalle fasi di riscaldamento, venivano dal bel pareggio di Champions League in casa del Liverpool. Gli azzurri di Ancelotti creano occasioni a ripetizione, ma dietro lasciano troppi spazi: l’ultimo successo in campionato resta quello del 19 ottobre al San Paolo contro il Verona. I punti restano 20, mentre quelli del Bologna diventano ben 16, a +6 sulla zona retrocessione.

PRIMO TEMPO – Parte forte il Napoli, con gol di Lozano molto bello annullato per posizione di fuorigioco (gioca il messicano con Llorente e Insigne). Al 32′ il primo sussulto ospite, a cura dell’ex Dzemaili, che in girata sfiora l’angolino alla sinistra di Ospina. Il Napoli passa al 41′: destro di Insigne respinto da Skorupski, tap-in vincente dello spagnolo Llorente, che carica il San Paolo. I minuti finali della prima frazione sono da incubo per il Bologna: prima Skorupski dice di no con un miracolo su deviazione sotto misura di un avversario, poi Lozano – in contropiede – calcia fuori non di molto.

SECONDO TEMPO – Il Napoli crea occasioni a raffica e sembra avere in mano la partita, ma dietro soffre, e pure parecchio. Al 55′ Insigne, dopo una lunga cavalcata, va al tiro e Skorupski è strepitoso nella risposta in calcio d’angolo. Poco dopo, all’improvviso, il Bologna pareggia i conti: cross in area, respinta corta della difesa e Skov Olsen di destro mette dentro l’1-1 a porta vuota (Ospina era già a terra per l’insidioso traversone). Da lì, gli emiliani trovano molto coraggio per attaccare ulteriormente: Ospina respinge su Sansone, poi però lo buca al minuto 80, quando arriva uno scambio rapidissimo al limite dell’area e lo stesso ex Sassuolo fa 1-2. Nel finale il Napoli insiste per il pari, lo trova pure con Llorente, ma dopo un consulto col Var viene annullato per fuorigioco. Triplice fischio al San Paolo, tanti fischi per la banda Ancelotti, che resta molto attardata in classifica.

Potrebbe interessarti

Savoia, altro exploit e Parlato racconta l’impresa su modulo e attaccanti

L’allenatore Carmine Parlato racconta la vittoria del Savoia arrivata sul campo del …