Napoli – Barcellona 1-1: sintesi, tabellino ed highlights

- Advertisement -

Il Napoli non ha mai vinto una partita contro il Barcellona nella principale competizione europea (2N, 2P); l’ultimo incrocio tra le due squadre risale agli ottavi di finale della Champions League 2019/20 quando i blaugrana si imposero con il punteggio complessivo di 4-2.

Sfida da sogno allo Stadio Diego Armando Maradona, il Napoli di Mazzarri ospita il Barcellona in questa andata degli ottavi di finale della Champions League.

Xavi ripropone Christiensen a centrocampo con De Jong e Gundogan piú avanzati, i due gioielli Pedri e Yamal al fianco di Lewandowski. Difesa con Cancelo a sinistra, Araujo o Koundé a destra.

Calzona punta subito su Osimhen con Kvaratskhelia e Politano ai suoi fianchi Cajuste a centrocampo, Olivera vince il ballottaggio con Mario Rui.

La cronaca

Inizio horror per gli azzurri che concedono l’impossibile al Barcelloan che già al 4′ si rende pericoloso con Yamal la cui conclusione da fuori viene respinta da Meret.

Al 15′ ancora Barca: Lewandowski stoppa in area calcio di prima intenzione ma manda sull’esterno della rete.

Al 23′ è ancora il polacco che da buona posizione calcia di prima: respinge di istinto Meret.

Un minuto dopo ci prova Gundogan dal limite dell’area lasciato solo la cui staffilata viene respinta da Meret in angolo. Napoli in apnea fin qui.

Dal 35′ inizia il lungo possesso azzurro che produce poco in attacco rendendosi mai pericoloso ma almeno limita gli spagnoli fino al fischio finale del primo tempo.

Il secondo tempo si apre sulla falsa riga del primo ma è il Barcellona al 60′ a spuntarla: Lewandowski riceve in area da Pedri, si libera di Di Lorenzo e calcia sul primo palo dove Meret non puó arrivare.

Sei minuti dopo i blaugrana potrebbero raddoppiare: conclusione potente di Pedri, Meret la mette in angolo con i pugni evitando il gollonzo.

Primi cambi per gli azzurri con l’inserimento di Traoré e Lindstrom ma serve il solito Anguissa ad imbucare Osimhen per pareggiare grazie alla potenza fisica del nigeriano che fa esplodere il Maradona.

Gli azzurri provano a spingere sulle ali dell’entusiasmo ma il Barca si difende essenzialmente solo con Araujo che fa da solo il gigante in mezzo all’area.

Tra l’83’ e l’85’ ben tre calci d’angolo producono solo un colpo di testa di Anguissa che prova ad impensierire l’estremo spagnolo.

All’86’ ci prova anche il Cholito Simeone ma la palla va alta.

Brivido finale nei quattro di recupero con Gundogan: il tedesco prova il colpo di biliardo verso il secondo palo, sfera che termina di poco a lato.

Finisce in pareggio e qualificazione rimandata al 12 marzo per il ritorno degli ottavi.

Il tabellino di Napoli – Barcellona 1-1

NAPOLI (4-3-3): Meret; Di Lorenzo, Rrahmani, Juan Jesus, Olivera; Anguissa, Lobotka, Cajuste (23’st Traore); Politano (32’st Raspadori), Osimhen (32′ Simeone), Kvaratskhelia (23’st Lindstrom). A disposizione: Contini, Gollini, Natan, Mario Rui, Mazzocchi, Ostigard. Allenatore: Francesco Calzona

BARCELLONA (4-3-3): Ter Stegen; Koundé, Araujo, Inigo Martinez, Cancelo; Gundogan, Christensen (43’st Romeu), De Jong; Yamal (35’st Raphinha), Lewandowski, Pedri (42’st Joao Felix). A disposizione: Pena, Astralaga, Vitor Roque, Sergi Roberto, Casado, Lopez, Cubarsi, Guiu, Fort. Allenatore: Xavi Hernandez

Reti: 15’st Lewandowski (B), 30’st Osimhen (N)

Ammoniti: De Jong (B), Christensen (B)

Gli highlights sono disponibili al link

- Advertisement -

Articoli correlati

Comments

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Condividi l'articolo

CALENDARIO 2023-24: SERIE A, SERIE B, SERIE C, SERIE D

Gli ultimi articoli

Newsletter

Subscribe to stay updated.