Diego Armando Maradona è stato operato e l’operazione è andata a buon fine, anche se non è del tutto fuori pericolo. Il neurologo che lo segue e che ha rassicurato il mondo parlando di «parametri neurologici ottimali, stato del paziente eccellente, recupero avviato».

Maradona operato, salvo «solo per l’intuizione di un medico». Ma restano i problemi

In pochi lo hanno compreso che Diego è vivo solo per «una felice intuizione medica», come ha dichiarato Matias Morla, il suo avvocato, che ha ribaltato la diagnosi iniziale e consolatoria di stress. L’Argentina e il popolo Napoletano non è pronto a “lasciarlo andare”, non a sessant’anni appena compiuti.

Idealmente, intorno al suo letto si sono stretti gli otto figli, capi di stato (i presidenti argentino Fernández e venezuelano Maduro), colleghi come Messi, (che però non gli aveva fatto gli auguri per il compleanno, «Tutta la forza del mondo con te, Diego»), milioni di like e post di tifosi.

L’ultimo bollettino medico diffuso dalla clinica di Olivos, dove l’ex Pibe de Oro è rimasto sotto i ferri per quasi un’ora e mezza, parla addirittura di “decorso post-operatorio eccellente”, garantendo che la ripresa dell’argentino procede a passi spediti. “L’umore è già ottimo. Abbiamo parlato, scherzato e l’ho trovato sereno“, ha assicurato Leopoldo Luque, il neurochirurgo occupatosi della delicata operazione.

Forza Diego!

Potrebbe interessarti

Juventus, infortunati Dybala e McKennie: le loro condizioni, come stanno?

Nel match di ieri sera tra Juventus e Sassuolo (vinto dalla juve per 3-1) ci sono stati du…