Liverpool-Milan, parla Inzaghi

- Advertisement -

Filippo Inzaghi, attuale allenatore del Brescia, ha analizzato ai microfoni di Sky la partita di Champions League che stasera il Milan giocherà contro il Liverpool indugiando, però, anche sul suo passato da calciatore. Per Super Pippo l’incontro con i Reds ha sempre un sapore speciale e richiama sensazioni contrastanti a metà strada tra amarezza ed euforia incontenibile: il Liverpool di Rafa Benitez diede un grande dispiacere ai rossoneri nel 2005, ma due anni dopo, sempre in finale di Champions League, ma questa volta ad Atene, dovette inchinarsi alla rapacità di Inzaghi, che segnò una doppietta e riportò in Via Turati il trofeo per club più ambito.

La finale del 2007

Quella partita la so a memoria, ma ogni tanto rivederla e sentirla fa sempre piacere. Per me è indimenticabile e scolpita nel mio cuore. Al ritorno spero di andare a San Siro  perché è una partita che evoca in me ricordi incredibili e chiaramente è la partita della mia vita, che vale una carriera, quindi è indimenticabile“.

Su stasera

Quello che fa più piacere è che il Milan sia tornato a calcare i palcoscenici che merita. Soprattutto è tornato in un momento in cui sembra che sia tornata, grazie al lavoro di Pioli e Maldini, la squadra vera che se la può giocare. Poi il Liverpool è una delle squadre peggiori che ti potessero capitare, ma da queste partite si può crescere e imparare, come lo scorso anno a Manchester in Europa League. Mi auguro di vedere una bella partita e mi auguro che il Milan faccia una grande gara, perché aumenterebbe la consapevolezza in questa squadra che sta crescendo di partita in partita

Una squadra che non deve porsi limiti

Il Milan ha poco da perdere dopo che è tornato dopo tanti anni in Champions League: è già un grandissimo risultato. Il Milan è una squadra forte e si permette di avere il lusso di avere Ibrahimovic e Giroud: una squadra costruita con calma e pazienza. Nell’ultima partita con la Lazio ha dato segno di grande maturità e convinzione. Il palcoscenico europeo è molto difficile, soprattutto col Liverpool. Ma queste partite possono aumentare la consapevolezza se affrontate nel modo giusto e il Milan può vincere lo scudetto già quest’anno, per cui sono curioso di vedere la reazione, anche se per quello che ho visto mi lascia ben sperare“.

- Advertisement -

Articoli correlati

Comments

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Condividi l'articolo

Calendario 2021-22: Serie A, Serie B, Serie C, Serie D

Gli ultimi articoli

Newsletter

Subscribe to stay updated.

P