Dopo i tamponi risultati positivi per otto giocatori e due membri dello staff l’ASL di Torino ha emesso un ordinanza di fermo fino alle ore 24 di martedì

La decisione della lega

La Lega Calcio al momento non ha disposto nessun rinvio, e quindi con ogni probabilità il Torino andrà incontro alla sconfitta a tavolino proprio come è successo al Napoli per la partita del 4 ottobre. La squadra granata con ogni probabilità dovrà fare lo stesso percorso intrapeso dagli azzurri in tribunale per poi recuperare la partita successivamente, perchè sicuramente la squadra non si recherà a Roma per la trasferta.

Le possibili date per il recupero

Inizialmente si era pensato ad uno slittamento di un giorno ma è stato scartato poco dopo, a tal proposito Paolo Dal Pino. il presidente della Lega, ha dichiarato:”Serve una collaborazione costante. Per noi si deve giocare, ma se ci sarà un atteggiamento duro e restrittivo delle Asl valuteremo anche sulla base della decisione del Collegio di Garanza che purtroppo ha creato un precedente di giurisprudenza sul caso Juve-Napoli”. La partita con ogni probabilità sarà recuperata ad aprile (a inizio mese se la Lazio esce dalla Champions League)

Juventus-Napoli il precedente

È una situazione pressoché identica a ciò che successe per il match del 4 ottobre, l’ASL di Napoli bloccò la partenza ai partenopei e la partita non fu rinviata consegnando la vittoria a tavolino alla Juventus e un punto di penalizzazione in classifica per il Napoli. Gli azzurri prima hanno presentato un ricorso alla Corte Sportiva d’Appello della FIGC con un esito negativo, solo dopo il ricorso al Collegio di Garanzia il Napoli è riuscito ad ottenere la possibilità di recuperare la partita e il punto di penalizzazione. Il Torino sicuramente seguirà la stessa strada intrapesa dalla squadra azzurra per avere la possibilità di giocarsi il match durante il mese di aprile.

Potrebbe interessarti

Serie D: Insieme Formia – Nola 1-1

Il Nola arriva a questa sfida da una vittoria e cercherà di ripetersi per continuare ad al…