Di Rosy Speranza

Riprendiamo quest’anno a parlare di regolamento con delle importanti modifiche che se non comprese alla lettera, potrebbero portare ad incomprensioni ed episodi di protesta spiacevoli.

Eppur vero che se ciò non viene spiegato in maniera comprensibile, i malintesi scaturiti dalle innovazioni, ricorrerebbero ad un ulteriore perdita di tempo, che è proprio la cosa che si vuole evitare, in special modo nella regola 3.

Facciamo quindi chiarezza.

La modifica è nell’obbligo del giocatore sostituito ad uscire dalla parte più vicina della linea perimetrale.

Se il giocatore si rifiutasse di farlo , l’arbitro dovrà ammonirlo per perdita di tempo, ovvero comportamento antisportivo.

L’unico caso in cui il calciatore potrà uscire dalla linea mediana e’ quando, l’arbitro lo autorizzerà per motivi di sicurezza o infortunio o ovviamente, quando la linea mediana e’ il punto più vicino.

Il calciatore poi, dovrà recarsi immediatamente nell’area tecnica o negli spogliatoi, per evitare problemi con calciatori di riserva, spettatori o ufficiali di gara ed anche in questo caso, se si attardasse a farlo dovrà essere sanzionato con il cartellino giallo.

L’arbitro però non dovrà aspettarlo e riprenderà il gioco.Nel caso il sostituito si attardasse, lo ammonirà alla prima interruzione. Solo in caso di interferenza, il direttore di gara fermerà il gioco per prendere provvedimenti tecnici e disciplinari.

 

 

Potrebbe interessarti

Napoli United – Pianura I 0 – 0 I Zigarelli in tribuna

Il big match tanto atteso di questa domenica 11 aprile, termina con un risultato ad occhia…