La nuova stagione del Gladiator prende forma

- Advertisement -

Dopo aver ufficializzato lo staff tecnico, il Gladiator rappresentato dai patron Aveta-de Felice, nella giornata odierna ha comunicato che, Andrea di Pietro e Aniello Vitiello, faranno parte del nuovo progetto nerazzurro, per la nuova stagione agonistica 2020/21. I due patron, hanno deciso di comune accordo ripartire da quei calciatori che, hanno da sempre onorato la maglia nerazzurra. Partendo dalla prima riconferma per il centrale Andrea di Pietro, capitano dei sammaritani, ha maturato 129 presenze condite tra Eccellenza e Serie D. Il calciatore napoletano infatti, ha indossato questa maglia sotto la gestione Lazzaro Luce stagione 2011/12 e quella successiva. Il forte centrocampista ha cosi dichiarato:” Sono felicissimo e orgoglioso di indossare nuovamente questa maglia. L’obiettivo è quello di toglierci tante soddisfazioni cui merita questa piazza unitamente con la tifoseria”. Altra riconferma per Aniello Vitiello che, ha fatto lo stesso percorso del suo compagno di reparto. Saputa della notizia del rinnovo il peperino di centrocampo ha cosi dichiarato:” Sono strafelice di indossare nuovamente questi colori per la prossima avventura in un campionato impegnativo come la quarta serie. La serietà e il progetto della società mi ha spinto nuovamente a rinnovare”. Dopo i due rinnovi, nei prossimi giorni la società sarà operativa per allestire una rosa competitiva, capace di migliorare ulteriormente il posto guadagnato nell’ultima stagione appena passata in archivio. Dopo questi rinnovi, la società ha comunicato che Antonio di Paola non farà parte del progetto sammaritano. Il forte esterno di attacco ha trovato l’intesa con la Frattese altra compagine blasonata, vogliosa di ritornare nel calcio che conta.

Gaetano Primo Catalano

- Advertisement -

Articoli correlati

Comments

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Condividi l'articolo

Speciale Europei

Gli ultimi articoli

Newsletter

Subscribe to stay updated.

P