Personaggio eccentrico, noto nel mondo del calcio italiano per essere stato il primo a presentare (senza successo) un’offerta ai Della Valle per acquistare la Fiorentina un anno fa, il procuratore sportivo Alessio Sundas ha annunciato la sua intenzione di presentare un’innovativa e provocatoria proposta alla FIFA per introdurre una nuova norma nel regolamento del gioco del calcio finalizzata a regolarizzare i passaggi arretrati durante una partita.

In una lettera aperta, l’imprenditore originario di Pistoia ha spiegato le motivazioni di questa bizzarra richiesta: “Cari lettori, mi chiamo Alessio Sundas e svolgo l’attività di procuratore sportivo da diversi anni e non mi sento di essere il classico intermediario, statico e noioso. Quando vedo durante le partite qualcosa che non mi piace, nel modo di giocare di una squadra o nella tattica, mi viene voglia di chiamare l’allenatore e dire cosa fare… Nella mia carriera ho dato molti consigli a diversi mister di un certo rilievo, scrivendo e-mail di come la penso sull’impostazione di gioco e altri consigli per migliorare il modo di mettere in campo la squadra. Spesso i vari mister hanno ascoltato le mie proposte e hanno ottenuto dei risultati positivi. Sto notando, guardando le partite sia del campionato italiano che di Champions, che le nostre squadre hanno un enorme difetto: molto spesso i giocatori (è diventata quasi una moda), quando si avvicinano alla propria area, invece di partire in un’azione offensiva, comodamente passano al portiere pensando di allargare il gioco con un rinvio, invece si ottiene il risultato opposto, infatti quando, puntualmente, si perde palla, si permette all’avversario di essere a tu per tu con il portiere e quasi sempre subiscono goal. Scriverò alla FIFA una nuova regola dove la squadra non potrà passare la palla al proprio portiere per più di due volte durante la partita: (REGOLA DELL’1)“.

Potrebbe interessarti

San Tommaso-Savoia, le dichiarazioni dalla sala stampa nel post partita

Al termine della partita tra San Tommaso e Savoia, ecco le voci dalla sala stampa dello st…