La Juventus batte anche la Lazio e lancia una seria sfida all’Inter per la corsa allo scudetto. Pirlo trova il bis dopo aver battuto lo Spezia nel delicato anticipo serale contro i biancocelesti. I bianconeri ringraziano Morata che ad inizio ripresa regala la doppietta decisiva.

Juventus – Lazio: ospiti in vantaggio, poi la Vecchia Signora ribalta

Amdrea Pirlo sa che deve vincere contro la Lazio per due motivi importantissimi. Per non perdere terreno dall’Inter e per allontanare la squadra di Inzaghi nella corsa alla Champions. Ma il tecnico bianconero sa anche che in settimana ha il delicato ritorno negli ottavi di Champions in cui deve rimontare il 2-1 subito dal Porto in terra lusitana. Così lascia inizialmente Ronaldo in panchina.

La Lazio parte benissimo e passa in vantaggio con Correa dopo appena un quarto d’ora. L’attaccante argentino spiazza Sczcesny con un bel destro dal limite dell’area. I padroni di casa faticano ma trovano il pareggio a fine tempo. Morata illumina, Rabiot conclude. Gran botta del francese che da posizione defilata batte Reina sotto la traversa.

Nel secondo tempo si vede tutta un’altra Juve. Il mattatore è Alvaro Morata, che trascina la squadra verso la vittoria. Lo spagnolo prima completa la rimonta portando i suoi in vantaggio chiudendo a rete un perfetto contropiede. Poi chiude il match dal dischetto. Fatale l’intervento di Milinkovic-Savic che travolge Chiesa in area.

Il video con le azioni migliori ed i gol del match tra Juventus e Lazio

Per la Juventus si tratta della terza vittoria nelle ultime quattro giornate. Pirlo si porta così a -7 dall’Inter, in attesa del Monday Night che vedrà Conte impegnato contro l’Atalanta. Dall’altra parte la Lazio incappa nella seconda sconfitta consecutive. La terza se consideriamo anche la Champions League. Con sei punti di distacco da Gasperini, Inzaghi rischia di allontanarsi troppo dal quarto posto.

Potrebbe interessarti

Lazio, Farris: “Non è mai rigore quello assegnato al Napoli”

Con il Napoli ormai in perenne silenzio stampa è solo la voce laziale quella che si può as…