Non è in condizioni di forma ottimali, ma Steve Leo Beleck qualche numero, dal punto di vista tecnico, ce l’ha.

Non era ciò che voleva mister Fabio Caserta, ma l’attaccante, per ora, è solo in prova alla Juve Stabia. Difficilmente resterà, nonostante la partenza di Daniele Paponi

Una vita da nomade del pallone per l’attaccante dal doppio passaporto franco-camerunense.

Nell’amichevole tra la Juve Stabia e il Campobasso è andato in gol con un colpo di testa in tuffo. 

Un bel gesto tecnico, ma l’imponente stazza, unita a una condizione fisica che non mostra un peso ideale, potrebbe non andare a suo vantaggio.

Beleck, portato in Italia dall’Udinese dopo l’exploit da giovane nel campionato greco, ha poi girovagato, finendo anche al Watford della famiglia Pozzo.

Di gol, negli anni, se ne sono visti pochi e anche i tifosi stabiesi, dopo la vittoria per 3-1 nel test contro il Campobasso, non appaiono poi così convinti. Sui social, infatti, c’è chi lo rimprovera di essere in sovrappeso e chiede al club di non ingaggiarlo.

La differenza, però, la faranno le sue qualità tecniche che Caserta sta osservando dal vivo. Qualche chilo in più lo si può sempre perdere.

Potrebbe interessarti

Sport e disabilità, la guida di Essenia nel progetto Nautilius

Il progetto Nautilius – iniziativa di durata biennale finanziata dalla Commissione E…