Wanda Nara

Icardi è il vero protagonista dell’Inter. L’argentino e la moglie catalizzano l’attenzione dei media che mettono inevitabilmente in secondo piano la squadra.

Mauro Icardi assente per la festa dei 111 anni dell’Inter

Dopo essersi tolto la fascia di capitano il bomber argentino è stato sempre presente agli incontri della squadra, assieme alla moglie Wanda Nara, sua agente, anche se non sono mai entrati in contatto con la squadra.
La cosa che salta agli occhi invece è che ieri 10 marzo per la festa dei 111 anni I due coniugi erano assenti, avendo preferito rimanere a casa. Wanda Nara dai microfoni di Tiki Taka ha fatto sapere che:

L’abbiamo vista in famiglia, tutti insieme – ha spiegato Wanda –, abbiamo preferito evitare polemiche in una settimana molto particolare per l’Inter. Non voglio parlare adesso per evitare che qualsiasi parola venga male interpretata. Io lavoro per Mauro e lui vuole stare all’Inter. Io lavoro per la pace“. Poi però puntualizza:

“Non capisco però perché degradare il giocatore più importante e costoso possa essere il bene dell’Inter. E poi Mauro non si è inventato il problema al ginocchio, sta dando priorità alle cure perché ora non si sente importante“.

Insomma, come finirà questa vicenda che sempre più, sta assumendo i toni e i contorni di una novela argentina? È notorio che Icardi vorrebbe parlare direttamente con il presidente Zhang, ma che il tavolo della trattativa resta in mano a Marotta e all’avvocato Nicoletti. Anche i compagni di squadra aspettano una spiegazione, un gesto, una parola. Arriveranno mai?

Intanto Marotta usa toni distensivi e di dialogo:

“Bisogna essere tranquilli, usare bastone e carota. C’è grande ottimismo”. Magari il percorso non è sempre breve: “All’inizio c’è stato un atteggiamento intransigente da parte della società, era giusto fosse così. Ma siamo in una famiglia: ci sono delle regole, ma anche il buon senso da parte del presidente Zhang e di Spalletti”

E a questo aggiunge:

 “Non so se sarebbe pronto per il derby – sottolinea Marotta –. Se ragiono da uomo di calcio, dico che questa assenza forzata non l’ha messo nelle condizioni di fare prestazioni di rilievo in modo immediato qualora rientrasse nel gruppo. Ma poi decide l’allenatore”.

Già, Spalletti. Cosa deciderà? Ah saperlo…

Potrebbe interessarti

Icardi e quel doppio cellulare: uno “ufficiale” e l’altro per le altre donne. Il gossip

Mentre ancora si discute se Icardi rimarrà all’Inter oppure prenderà i volo alla volta di …