Arriva all’ottava giornata il primo punto “ufficiale” per il Napoli di mister Marino, si attende sempre l’esito del contro ricorso delle partenopee dopo la sconfitta a tavolino contro l’Inter, e in caso di esito positivo i punti per il Napoli potrebbero essere due.

La formazione azzurra, senza le infortunate Di Marino,  caviglia fasciata, e l’attaccante greca Deppy alle prese con l’infortunio al ginocchio,  e ferme per via precauzionale, post covid, Huchet e Groff , scende in campo con un 4-4-2.

Perez, portiere del Napoli, che ha parato il rigore a Di Liuzo

Il tecnico riporta a centrocampo l’ex Sassuolo Jansen e affida la difesa all’esperta a Di Criscio, rientrante dopo aver smaltito il covid. La partita è molto equilibrata con entrambe le formazioni che creano molto. Il Napoli al 28′ recrimina per un fallo di mano in area non visto dal direttore di gara. Al’ 39 è un colpo di testa di Menin a far mettere paura il Napoli. Il San Marino ci crede dopo appena due minuti ha l’occasione più gotta per passare in vantaggio: Menin approfitta di un buco difensivo, si presenta sola davanti a Perez che para e poi sulla respinta la anticipa il direttore di gara concede la massima punizione. Sul dischetto si presenta Di Luzio, ma Perez è un felino e para. Si va negli spogliatoi sul punteggio invariato: 0-0.

La ripresa si apre con le azzurre che sfiorano subito la rete con Goldoni, ma la sua conclusione viene salvata sulla linea da Venturini. Al 25′ è ancora il Napoli a sfiorare il gol con un tiro di Jansen che scheggia la traversa. Il Napoli fa la partita e nonostante le molte occasioni per sbloccare il match si resta sullo 0-0.

Punto importantissimo per la formazione di patron Carlino che alla vigilia aveva dichiarato che questa partita poteva segnare la svolta per il suo Napoli, noi lo speriamo e ci auguriamo che le partenopee da oggi potranno disputare un campionato diverso. Nella prossima giornata il Napoli al “Caduti di Brema” di Barra ospiteranno la capolista Juventus.

 

SAN MARINO-NAPOLI 0-0

SAN MARINO (4-1-4-1): Ciccioli; Micciarelli, Venturini, Kunisawa, Piazza; Brambilla; Menin (dall’85 Barbieri), Corazzi, Baldini (dal 77′ Chandarana), Muya; Di Luzio. All. Conte.

NAPOLI (4-3-1-2): Perez; Capparelli, Huynh, Di Criscio (dal 76′ Cafferata), Oliviero; Jansen, Nocchi (dal 60′ Errico), Beil; Hjohlman (dal 68′ Cameron); Goldoni, Popadinova (dal 77′ Galabadaarachchi). All. Marino.

 

 

Potrebbe interessarti

Maniero-gol e l’Avellino batte il Potenza dell’ex Capuano

Dopo la sconfitta in campionato contro il Catania l’Avellino di Braglia torna in campo per…