Il giocatore del Villa Literno "Daniele Silvestro"

Momenti non facili quelli che stanno attraversando i dilettanti. Raccogliamo la testimonianza di un veterano di queste categorie, il 36 enne Daniele Silvestro.

L’intervista a Daniele Silvestro

Ecco le sue parole

Ci tengo innanzitutto a precisare che quest’iniziativa è partita da me e Luca Borrelli, attaccante dello Sporting Barra, perchè noi ci sentiamo discriminati rispetto al trattamento diverso riservato a noi di Eccellenza, Promozione e Prima Categoria, io sono un amico fraterno di Gaetano Letizia e lui è l’esempio di come dalla promozione si possa arrivare ai palcoscenici della Serie A nonostante questo comporti molti sacrifici come ad esempio fare festa a lavoro per giocare la partita. Allora tra eccellenza  e promozione abbiamo deciso di creare una chat di allenatori e capitani, per un totale di 112 squadre, dove domani partirà una petizione per Zingarelli, Sibilia e a Spadafora, in cui verrà discusso il tema dei bonus introdotto da quest’ultimo. ”

” Come detto in precedenza, noi tra Eccellenza e Promozione siamo 112 squadre, per un totale di 25 elementi per squadra, e volendo fare un calcolo approssimativo, seppure questo bonus ipoteticamente lo abbiano ricevuto solo la metà dei tesserati, lo stato starebbe mettendo a disposizione 80000 mila euro mensili. Ma perche non usare questi soldi per effettuare i tamponi così come avviene in Serie D ? ” Si chiede Daniele e ancora ” Noi siamo fermi dal 28 Ottobre, e io da vicecapitano non sono mai riuscito a scendere in campo a causa di sospensione e rinvii, il nostro presidente ha fatto degli investimenti importanti tra stipendi, materiale, palloni ecc, perchè dobbiamo essere discriminati così? La salute viene prima di tutto e su questo non ci piove, ma qui stiamo parlando di farci giocare in sicurezza e non di buttare i soldi dando questi bonus di 800 euro a giocatori under che in condizioni normali ricevevano 100/200 euro di rimborso mensili, mentre a noi che siamo veterani e che ci togliamo ore di lavoro per andare a giocare o per fare allenamento, non riceviamo alcun bonus. Allora noi il bonus non lo vogliamo ma vogliamo tornare a giocare. “

Cosa pensa Daniele Silvestro della situazione “scuole calcio”

” Io ho sempre giocato a calcio per 35 anni  e vi posso assicurare che lo sport aiuta, crea le basi per formarti e ad oggi potrebbe togliere anche molti ragazzi dalla strada. Infatti volevo sottolineare che noi siamo vicini alle Scuole Calcio e in particolar modo ai bambini, ai loro dirigenti e ai loro genitori che non vedono il campo di calcio dal Febbraio 2020 e quindi il nostro movimento vuole anche aiutare tutti loro, che già non vanno a scuola e togliendoli anche i momenti di svago e di insegnamento come può essere un allenamento, rischiamo di perdere molti giovani e creare una disaffezione rispetto al grande movimento che è il calcio .”

Villa Literno e la conclusione su Spadafora

” A me piacerebbe molto chiudere la carriera qui, ma i matrimoni si fanno sempre in due e vedremo cosa ci dirà il futuro. Ci tengo a sottolineare che sono anche vicino alle molte società dilettantistiche stanno patendo la crisi, spendiamo i soldi per la sicurezza e non per cose futili, è assurdo dare i soldi agli under e non a noi, questo mi fa capire che le persone  che ci governano, come il Ministro dello Sport Spadafora e i suoi collaboratori, non abbiano mai calcato i campi di calcio ed in particolar modo quelli di periferia e delle scuole calcio e che null’abbiano a che fare con l’esigenze delle cosidette squadre minori.

Potrebbe interessarti

Real Agro Aversa, positivo al Coronavirus un componente dello staff tecnico

Con un comunicato social, Il Real Agro Aversa ha fatto emergere la positività al coronavir…