Gruppo E degli Europei: cosa aspettarsi dalla Spagna

- Advertisement -

L’Europeo 2020 è ormai alle porte e si preannuncia molto combattuto fin dalla sua fase a gironi. Uno dei gironi che appare particolarmente interessante e combattuto è il “girone E” all’interno del quale la Spagna, la Svezia, la Slovacchia e la Polonia si contenderanno il passaggio per la fase successiva a eliminazione diretta.

La Spagna di Luis Enrique

Possiamo sin da subito affermare che la favorita del girone E appare senza alcun dubbio la Spagna guidata da Luis Enrique. La Roja, pur non potendo essere paragonata in quanto a capacità tecnica e brillantezza alle “furie rosse” che si aggiudicarono nel recente passato sia la vittoria del Mondiale 2010 che la conquista degli Europei 2008 e 2012, rappresenta comunque una seria candidata alla vittoria finale del Torneo. A riprova della competitività della Nazionale Spagnola basta dare uno sguardo ai risultati ottenuti durante le qualificazioni per Euro 2020. Gli iberici, su dieci partite disputate, hanno conquistato ben otto vittorie senza subire alcuna sconfitta. Nel corso di questo cammino inarrestabile il dato che maggiormente colpisce è la differenza tra gol fatti e reti subite, con la squadra di Luis Enrique ha realizzato ben 31 goal subendone solamente cinque. In base a queste premesse, la sensazione è che ci si trovi di fronte a un team in grado di combinare una spiccata capacità realizzativa a un ottima fase difensiva, segnali di una rosa equilibrata e ben strutturata in ogni settore che fanno sì che nel Girone degli Euro la Spagna non dovrebbe poi faticare più di tanto.

Le avversarie della Spagna

Nonostante la Spagna sia la favorita per la conquista del primo posto, il girone E appare particolarmente combattuto e in grado di riservare delle sorprese. Una delle avversarie più ostiche de La Roja sarà senza alcun dubbio la Polonia guidata da una vecchia conoscenza del calcio italiano, il portoghese Paolo Sousa. I risultati ottenuti nelle qualificazioni parlano chiaro: la Polonia ha conquistato il primo posto nel suo girone collezionando ben otto vittorie, con 18 goal fatti e solo cinque subiti. Il leader indiscusso di questa squadra è Robert Lewandowski, le cui capacità realizzative e l’alto profilo tecnico lo collocano tra gli attaccanti più forti in circolazione. Altra Nazionale da tenere d’occhio è la Svezia guidata dal C.T. Jan Olof Andersson. Quella svedese è una squadra molto compatta, dotata di una fase difensiva notevole ma che dovrà fare a meno in attacco del talento e della leadership di Zlatan Ibrahimović che non ha recuperato da un duro infortunio al ginocchio. Si tratta di un assenza importante che indubbiamente inciderà sulle prestazioni della Nazionale Svedese che potrà comunque puntare su un collettivo particolarmente affiatato. A completare il girone E c’è la Slovacchia allenata da Stefan Tarkovic. Gli slovacchi hanno chiuso il girone di qualificazione al terzo posto e hanno ottenuto la possibilità di partecipare ad Euro 2020 grazie al loro piazzamento in Nations League. La Slovacchia non appare una squadra in grado di competere con la Spagna o la Polonia ma presenta in rosa giocatori di indubbie capacità, come il difensore Milan Škriniar, decisivo nello scudetto vinto dall’Inter, e il sempre talentuoso centrocampista Marek Hamsik, in grado di fare la differenza con giocate di qualità.

Viste le premesse siamo sicuri che il Girone E ci riserverà partite davvero emozionanti e, nonostante la supremazia tecnica della Spagna, potrebbero prospettarsi risultati a sorpresa.

- Advertisement -

Articoli correlati

Comments

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Condividi l'articolo

Calendario 2021-22: Serie A, Serie B, Serie C, Serie D

Gli ultimi articoli

Newsletter

Subscribe to stay updated.

P