GRAGNANO. In casa Gragnano, dopo la retrocessione in Eccellenza, continuano a persistere le nubi sul futuro del club. Ai microfoni della sala stampa gialloblù, il punto della situazione viene fatto da Alfonso Giordano:

La situazione purtroppo è sempre più delicata. Stiamo provando a coinvolgere alcuni partner per riuscire a far sopravvivere il calcio a Gragnano ma fino a questo momento non abbiamo avuto riscontri positivi. Voglio rinnovare l’appello a tutti i gragnanesi affinché facciano sentire la propria vicinanza alla società per iniziare insieme a scrivere una nuova storia per il nostro club. Per questo motivo, anche in occasione dei prossimi due eventi di “Gragnano Enogastronomica” (22-23-29-30 giugno ndr), installeremo delle postazioni per dare a tutti la possibilità di contribuire. Come ho detto in precedenza il momento è serio, occorre capire se questa città davvero vuole continuare ad avere una squadra di calcio con tutto ciò che ne consegue in termini di aggregazione ed educazione allo sport, valori sempre più complicati da coltivare ai giorni nostri, soprattutto in una realtà come Gragnano. Noi ci siamo, stiamo dando il massimo. Siamo pronti anche a farci da parte se qualche imprenditore gragnanese dimostrasse la volontà di gestire la società in autonomia. Nessuno di noi ne fa una questione di orgoglio, vogliamo soltanto che Gragnano non perda anche la sua squadra di calcio

Potrebbe interessarti

Il punto sul girone A di Eccellenza – Di Liddo: “Giornata senza clamori, l’Afragolese continua il suo campionato”

NAPOLI. Dopo la 5° giornata del campionato di Eccellenza girone A è tempo di tirare le som…