Negli scorsi giorni il Città di Gragnano, impegnato nella bagarre salvezza del Girone H di Serie D, è stato protagonista di un “giallo” che ha riguardano l’attaccante Ambrogio Sorriso, una delle pedine più importanti di mister Rosario Campana. Il calciatore ex Turris, infatti, aveva lasciato la squadra gialloblu ed il presidente Martone aveva spiegato in un’intervista che la sua giustificazione era di problemi fisici, tuttavia non certificati tramite alcuna attestazione medica.

Nelle scorse ore, Sorriso ha voluto presentare la sua versione dei fatti nel corso di un’intervista rilasciata ai colleghi di SportCampania: “Sono andato via da Gragnano il giovedì successivo alla partita di Andria perchè avevo dei problemi personali e ho chiesto un anticipo dello stipendio per risolvere questi problemi. La società ha risposto di non essere in condizione al momento di accontentarmi, quindi durante la settimana ho cercato di risolvere e convincere la società a darmi l’anticipo. Il venerdì precedente alla trasferta di Nardò ho chiamato un dirigente, spiegando nuovamente la mia posizione. Mi dà ragione, mi risponde che mi capiva, ma che persisteva la difficoltà economica e quindi non avrebbe potuto promettermi il pagamento neanche la settimana successiva. Capendo la loro situazione, ho lasciato il Gragnano e sono andato a lavorare. Con i soldi guadagnati sono riuscito a risolvere il mio problema, quindi il martedì ho richiamato in società dicendo che sarei stato disposto a tornare, senza chiedere i soldi, perchè ero riuscito a risolvere tutti i miei problemi. Mi rispondono che mi avrebbero fatto sapere in serata. Mi chiamano la mattina successiva e mi dicono che non volevano più saperne niente e andava bene così. La stessa mattinata vedo l’articolo di Metropolis dove la società dice che io sono andato via per motivi sconosciuti, che ho abbandonato la squadra e la società. Non è vero: Sorriso è andato via perchè aveva delle scadenze da pagare e avevo chiesto un anticipo sul successivo stipendio, visto che l’ultimo ricevuto risale a febbraio. Nonostante questo, io voglio il bene del Gragnano e spero vivamente che i miei compagni si salvino. Non ce l’ho con nessuno, accetto la loro scelta, ma questa è la verità”.

Potrebbe interessarti

Savoia, le parole di mister Parlato e Rekik dopo la vittoria col S. Maria

Al termine della vittoria contro la Polisportiva Santa Maria, mister Carmine Parlato ha ri…