Genoa – Atalanta 3-4: video sintesi, goal e highlights della partita

- Advertisement -

L’Atalanta si presenta al Marassi con l’obiettivo tre punti per l’aritmetica qualificazione in Champions, ma forse anche con la testa già alla Finale di Coppa Italia contro la Juventus d Mercoledì al Mapei. I bergamaschi giocano un primo tempo perfetto, ma nella ripresa fanno i conti con la forte reazione dei grifoni che accorciano fino al 3-4, ma addirittura rischiando i pareggiarla. La Dea festeggia con diversi turni d’anticipo nuovamente, per il terzo anno consecutivo, la qualificazione alla Champions League. 

L’Atalanta la mette in cassaforte

Parte forte l’Atalanta, come nella gara contro il Benevento di qualche giorno fa, ma la prima vera occasione del match è dei padroni di casa: Rovella serve Melegoni che chiama alla deviazione angolo Gollini. Dal corner destro di Masiello che colpisce il palo. Grande chance per i gironi. 

L’Atalanta prende il possesso del campo e all’9’ la sblocca: triangolo in area tra Zapata e Malinovskyi con il colombiano che da due passi infila Marchetti. 

Zapata con la rete di oggi sale a quota 56, ha raggiunto Germán Denis come straniero più prolifico con la maglia dell’Atalanta in Serie A.

All’17’ grande giocata di Zapata, ma si vede recuperato da Radovanovic. La Dea raddoppia all’26’: Zapata recupera palla sulla linea di fondo, cross al centro dove Malinovskyi è ben appostato. Il colombiano ricambia l’assist all’ucraino. Da segnalare che il gol inizialmente è stato annullato, per una possibile uscita della sfera, ma la VAR convalida la rete. 

Sul finire del primo tempo, fallo ingenuo a limite di Romero ai danni di Pjaca. Si incarica della battuta Rovella che mette in mezzo, ma Romero allontana. Poco dopo è Gollini a far suo un cross di Ghiglione. Ad un minuto dal termine del primo tempo l’Atalanta cala il tris: cross di Malinovskyi, torre di Haterboer e tap-in di Gosens. 

Che reazione del Genoa che mette paura alla Dea

La ripresa si apre con delle sostituzioni per entrambi i roster. Ballardini manda in campo Shomurodov, Pandev e Caso, per dar una scossa in attacco. Gasperini risponde con Pessina e Pasalic. 

Mossa indovinata di Ballardini perchè il Genoa la riapre con il neo entrato Shomurodov che batte con un perfetto diagonale Gollini. L’Atalanta non si scopone e dopo poco cala il poker: Mirancuk scarica in area, dove Pasalic finita e di destro batte l’estremo difensore locale.

Il Genoa non è quello della prima frazione di gioco, la vuole riaprire. All’66’ Gosens tocca il pallone con la mano, dopo la VAR Marinelli assegna il rigore. Sul dischetto si presenta l’eterno Pandev che spiazza Gollini. A Marassi è 2-4. 

I rossoblu ora mettono sotto pressione l’Atalanta. Nel finale di gara i ritmi si abbassano e ne approfitta la formazione di Ballardini che accorcia le distanze con Shomurodov. In pieno recupero il Genoa la può pareggiare con  Rovella, ma Gollini blocca. Termine una bella sfida al “Marassi” con la Dea che nella ripresa, con il risultato in cassaforte, si fa sorprendere da un Genoa che getta il cuore oltre l’ostacolo.

TABELLINO GENOA-ATALANTA 3-4

RETI: 9′ D. Zapata (A), 27′ Malinovskyi (A), 44′ Gosens (A), 49′ e 84′ Shomurodov (G), 51′ Pasalic (A), 67′ rig. Pandev (G)

GENOA (4-3-1-2): Marchetti; Onguéné, Radovanovic, Masiello; Ghiglione (57′ Portanova), Zajc (46′ Caso), Rovella, Melegoni (79′ Eyango), Cassata (46′ Shomurodov); Destro (46′ Pandev), Pjaca. All. Ballardini

ATALANTA (3-4-2-1): Gollini; Toloi, Romero, Djimsiti; Hateboer, De Roon, Freuler (46′ Pessina), Gosens (76′ Palomino); Malinovskyi (57′ Lammers), Miranchuk (89′ Muriel); D. Zapata (46′ Pasalic). All. Gasperini

Ammoniti: Djimsiti (A), Toloi (A), Rovella (G)

 

Genoa – Atalanta 3-4: gli highlights della partita

Potrete trovare gli highlights della partita a partire dalle ore 20:00

- Advertisement -

Articoli correlati

Comments

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Condividi l'articolo

Speciale Europei

Gli ultimi articoli

Newsletter

Subscribe to stay updated.

P