gattuso

Nel post-partita di Napoli-Juventus conclusosi 2-1 per gli azzurri, ha parlato in conferenza stampa l’allenatore partenopeo Gennaro Gattuso, ecco quanto evidenziato dal Corriere del Pallone:

“Oggi valiamo 27 punti, da quando sono arrivato io qualcosa ho sbagliato però in questo momento bisogna lavorare con serietà ed affrontare le partite con grande umiltà. Questa è una squadra che sa giocare e deve saper soffrire, oggi mi è piaciuta tutta la squadra, lo stadio e l’ambiente. Abbiamo concesso solo 2 palle gol ad una delle squadre più forti d’Europa. Il Napoli ora non è solo Lorenzo Insigne, tutta la squadra sta girando bene, abbiamo cambiato metodologia di lavoro, ora stiamo raccogliendo i frutti del lavoro che abbiamo fatto quando sono arrivato. Demme ci ha dato sempre grande copertura ed ordine, ho visto un grande palleggio in uscita dalla difesa, dobbiamo fare meglio nell’ultimo passaggio. In questo momento bisogna riuscire a tenere bene il campo e lavorare di reparto, è un calcio diverso rispetto a quello che intendeva farlo, oggi non si gioca più lasciando campo aperto agli avversari, 7 giorni fa ho avuto una mazzata contro la Fiorentina, le mie squadre non posso non essere grintose, quella è una cicatrice ancora aperta. Io mi emoziono con poco, per essere un uomo del Sud, essere qui per me è motivo d’orgoglio, da piccolo chiedevo sempre a mio padre di venire a vedere Maradona, ma non aveva tanti soldi e quindi sono venuto solo da giocatore. Nella vita nessuno mi ha mai regalato niente, so di essere bravo ma non sono presuntuoso, speriamo che ci saranno ancora giornate come questa. Se non stai bene fisicamente non tieni questi ritmi così alti, oggi si è vista grande attenzione. Oggi Maksimovic era a disposizione, poteva fare 10 minuti se ci fosse stato bisogno, speriamo che Mertens e Koulibaly mercoledì saranno con noi ad allenarci. Le prossime 3 partite sono quelle della verità, capiremo se siamo davvero guariti e che campionato possiamo fare. Questa è una squadra forte, i giocatori che oggi ha il Napoli sono molto forti altrimenti non puoi fare questo tipo di partite. Oggi abbiamo l’obiettivo di arrivare a 40 punti e poi dopo vediamo.

Potrebbe interessarti

Coronavirus, saltano tre partite di Serie A

Cresce vertiginosamente il numero di italiani contagiati dal Coronavirus. Un’escalat…