Gabriele Gravina, presidente della FIGC,  raggiunto dai microfoni di Radio 24 ha espresso il suo punto di vista in merito all’emergenza covid -19 che sta mettendo in ginocchio l’Italia e tutto il mondo. Si deve combattere su più fronti: non solo evitare il contagio e la diffusione del coronavirus ma cercare di mantenere una parvenza di normalità, per rilanciare l’economia che si è fermata dal discorso del Premier Giuseppe Conte, con il decreto del governo #iorestoacasa.

Gravina sull’emergenza  Coronavirus legata al mondo del calcio

“Il rinvio dell’Europeo era un auspicio condiviso da tutti. Adesso ci sono maggiori possibilità di posizionare alcune date nei mesi di maggio e giugno, sperando sia sufficiente per la deadline del 30 giugno. Non prendo in considerazione un piano di estrema crisi, mi preoccuperebbe per il nostro Paese. Spingiamo sull’acceleratore dell’ottimismo. Lavoriamo sull’ipotesi di riprendere il 2 maggio e quindi di poter completare i campionati. Eventualmente sforando a luglio se non dovessimo farcela al 30 giugno”.

Beh facile dire premiamo l’acceleratore dell’ottimismo se i casi fossero arrivati a zero contagi, ma così non è purtroppo. Quando abbiamo capito veramente la gravità di questo virus abbiamo dovuto fare i conti anche con altre problematiche, come il fermo dell’economia.

“Il nostro mondo dello sport vive una grande crisi economica – aggiunge Gravina- (e non solo il calcio, aggiungiamo noi ) La Federazione si impegna nel raccogliere tutti i dati che le singole leghe stanno elaborando. Non esistono solo le singole industrie dei protagonisti, ma un mondo più complesso. Stiamo predisponendo una serie di richieste al nostro governo, un decreto legge riconosce lo stato di crisi dello sport”.

Si auspica quindi un taglio degli Stipendi.  “Non può essere un tabù in tempi di emergenza come questi: è un momento di crisi per tutti, siamo tutti chiamati a un gesto di grande responsabilità”.

Potrebbe interessarti

Diletta Leotta nella bufera social: in giro per Milano senza mascherina

Diletta Leotta nella bufera social perchè è stata fotografata dalle pagine del settimanale…