Francesco Totti: “Sono stato costretto a smettere” | Le anticipazioni dell’intervista rilasciata al Corriere della sera

- Advertisement -

Francesco Totti ha rilasciato un intervista al Corriere della Sera, in cui ha ripercorso alcuni suoi momenti della carriera tra cui il suo ritiro con il calcio giocato . Ecco alcune anticipazioni della sua intervista

Francesco Totti e il coronavirus

” Ho avuto una polmonite bilaterale, febbre a quaranta, tosse continua ed ero stanco, non avevo fame. Sono stati 24 giorni molto duri per me e la mia famiglia “.

L’addio alla Roma di Francesco Totti

” Trigoria è quasi la mia prima casa. Sapevo che prima o poi avrei dovuto smettere, bisogna essere realisti. A quarant’anni è pure difficile arrivare e continuare a giocare al livello giusto. Però nel mio caso sono stato costretto. Una soluzione si poteva trovare, insieme. Avrei voluto smettere in un altro momento. Avrei voluto essere io a prendere la decisione”.

Francesco Totti: il calcio ai tempi del coronavirus

” Sono successe tante cose: prima l’arrivo dei social che ha fatto sbarellare e rendere più individualisti i giocatori, poi questa anomalia di un campionato col Covid e senza pubblico. Ma il problema è più di fondo, stanno sparendo i campioni. Ci sono meno campioni e più giocatori costruiti”.

I rimpianti della carriera di Francesco Totti

” Mi rimprovero il calcio dato a Balotelli e lo sputo a Poulsen. Sono state le cose più brutte che potessi fare, cose non da me. Tutt’ora non riesco a capire come possa aver compiuto gesti simili”.

La proposta di Totti a Verdone

” Se Carlo Verdone se la sentisse, potremmo interpretare un remake di In viaggio con papà”.

- Advertisement -

Articoli correlati

Comments

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Condividi l'articolo

Speciale Europei

Gli ultimi articoli

Newsletter

Subscribe to stay updated.

P