L'allenatore Paulo Fonseca

Si disputa la quarta giornata di Europa League, tutte in gioco per il superamento del turno le nostre squadre prima delle gare, esito confermato anche dopo la disputa delle stesse, con la Roma già ai sedicesimi.

Il Milan pareggia in Francia

Il Lilla è stata la prima squadra a sconfiggere il Milan in questa stagione, i rossoneri, in questo ritorno, disputano un buon match, ma non vanno oltre il pari. Con una formazione priva del suo “totem”, Ibrahimovic, e anche con qualcuno in campo meno utilizzato finora, i rossoneri controllano il primo tempo, passando in vantaggio in apertura di secondo con una bella combinazione Rebic – Castillejo, finalizzata dallo spagnolo.

Non riescono a mantenere il vantaggio, però, perché poco dopo è Bamba a bucare Donnarumma. Il risultato non cambierà più, e il pareggio si può ritenere sostanzialmente equo. Bisogna non sbagliare le prossime, a partire da quella con il Celtic, perché superando proprio gli scozzesi (4-1) lo Sparta Praga si è portato al terzo posto a solo un punto proprio dal Milan. Senza sottovalutare nessuno, comunque, qualificazione ampiamente in gioco.

La Roma è già ai sedicesimi

Qualificazione in cassaforte per la Roma, che va ad espugnare Cluj. Paulo Fonseca ruota molto l’organico, pur non fluida come sempre la manovra giallorossa crea comunque pericoli ai rumeni. Questi provano a contrastare, ma nel secondo tempo viene fuori la maggiore caratura tecnica della Roma, che si impone grazie a un’autorete di Debeljuh e a un rigore del solito, infallibile, Veretout. Nell’altra gara lo Young Boys supera a domicilio il CSKA di Sofia (1-0), la sfida con gli svizzeri della Roma nel prossimo turno servirà per stabilire il primo posto nel girone.

Il Napoli si porta al primo posto in classifica

Non era facile per il Napoli scendere in campo per affrontare il Rijeka. Pur senza pubblico sugli spalti, è palpabile in tutta la città l’emozione e la commozione per la morte di Diego Armando Maradona, cui è stato prontamente intitolato lo stadio. Proprio per questo, però, bisognava cercare la vittoria, per onorare Diego, per la classifica del girone, per fugare dubbi sulla ingovernabilità dello spogliatoio.

Gattuso ruota un po’ l’organico, i fiumani provano a creare qualche grattacapo, ma alla fine gli azzurri sono superiori e si impongono senza problemi. Politano sul finire di primo tempo sblocca il risultato, nel secondo il neo entrato Lozano raddoppia, poi è tranquilla gestione fino alla fine. Approfittando del pareggio tra AZ Alkmaar e Real Sociedad (0-0), ora gli azzurri sono primi e guardano con maggiore fiducia e tranquillità alla trasferta in Olanda della prossima settimana.

Potrebbe interessarti

Europa League, tutti i risultati finali: la Roma in semifinale

Era diventata una vera missione quella della Roma in Europa League, quella di mantenere al…