fonseca

Quarti di andata Europa League all’insegna dell’equilibrio, come solito quando si arriva a questo punto della competizione. Gli esiti di queste gare, ovviamente, sono da leggere nell’ottica del doppio confronto, con obiettivo principale di segnare almeno una rete per le squadre in trasferta, per avvantaggiarsi poi nel ritorno casalingo.

Europa League, risultati: vince il Manchester United, pari Arsenal, vince la Roma

Arsenal – Slavia Praga 1-1

L’Arsenal sembrava essere riuscita a piegare solo nel finale lo Slavia Praga grazie ad un gol di Pepè, ma in pieno recupero subisce il pareggio dei cechi ad opera di Holes, risultato forse più sorprendente di questo turno, a dimostrazione proprio dell’equilibrio di cui sopra e che a questi livelli tutti le squadre sono attrezzate per arrivare fino in fondo.

Granada – Manchester United 0-2

Si porta avanti il Manchester United superando per due a zero il Granada, Rashford nel primo tempo e un rigore di Bruno Fernandes al novantesimo fissano il risultato.

Dinamo Zagabria – Villareal 0-1

Il Villareal si impone in casa della Dinamo Zagabria con un rigore trasformato da Moreno nel finale di primo tempo, prezioso vantaggio sui coriacei croati.

Ajax – Roma: 1-2 

Resta da parlare della Roma, unica rappresentante italiana in Europa, che affronta i ragazzi terribili dell’Aiax. I novanta minuti che si dipanano in Olanda sono quasi la sintesi della stagione dei giallorossi: inizio equilibrato, poi le solite amnesie difensive che procurano il vantaggio di Klaassen nel primo tempo.

Nella ripresa i ragazzi di Paulo Fonseca sembrano continuare a farsi male, regalando un rigore agli avversari, fallito da Tadic, o parato da Pau Lopez che dir si voglia. È a questo punto che la partita cambia, i giallorossi vanno oltre i propri limiti, con fortuna trovano il pareggio con una punizione di Pellegrini, con annesso errore del giovane portiere aiacide Sherpen, poi anche il gol vittoria con Ibanez.

Un match dell’epilogo incredibile e anche insperato, a un certo punto, ma che dimostra pure che forse il nostro calcio è troppo bistrattato, e basta poi poco per giocarsela alla pari con le altre. La Roma, tra l’altro, particolare spesso dimenticato, giocava anche con le solite difficoltà di organico, tra infortuni e positività varie mancavano giocatori importanti, e durante la gara è venuto meno per infortunio anche Spinazzola, ben sostituito da Calafiori.

Ma i giallorossi sono stati bravi ad andare oltre tutto questo, con compattezza e unità di intenti. Sintomatico di quest’altalena la prestazione di Pau Lopez, autore nella stessa partita di errori incredibili quanto di parate risolutive.

Appuntamento a tra sette giorni per i ritorni, con una rosea prospettiva per i colori italiani di andare avanti in questa finalmente ambita competizione.

Potrebbe interessarti

Partite Serie A: il punto della 36° giornata

Manca solo un’ultima gara per la conclusione della trentaseiesima giornata di Serie A, ma …