Si avvia alla chiusura anche la fase a gironi dell’Europa League, la penultima giornata ci interessava da vicino per conoscere le eventuali altre italiane che si aggiungevano alla Roma già qualificata.

Anche il Milan è ai sedicesimi

Ci riesce subito il Milan, ma lo fa nella maniera meno attesa contro il Celtic Glasgow. Gli scozzesi non sono più quelli di fine anni Sessanta, vivono anche un periodo difficile ma, a sorpresa, si ritrovano addirittura sul doppio vantaggio per le reti di Rogic e Edouard. Doccia fredda e qualche palpitazione fino alla bella punizione di Calhanoglu che accorcia, seguito subito dal pareggio di Castillejo.

A inizio ripresa Hauge, con una bella serpentina, ristabilisce le distanze, prima che Ibrahim Diaz chiuda il discorso. Troppo forti i rossoneri per i bianco verdi britannici, qualificazione in cassaforte grazie anche alla vittoria del Lilla sullo Sparta Praga (2-1), che rende interessante l’ultimo turno della squadra di Pioli contro i cechi solo per il duello a distanza con i francesi per la prima posizione.

Al Napoli  basta un punto per qualificarsi

Contro gli olandesi dell’AZ Alkmaar il Napoli ha subito l’unica sconfitta stagionale in coppa, pure un risultato che poteva complicare la qualificazione ai sedicesimi. Partono decisi gli olandesi, ma gli azzurri riescono a sbloccare subito il risultato con Mertens, controllando il gioco e creando qualche altra occasione.

Nella ripresa, però, arriva il pareggio dei padroni di casa con Martins Indi, la squadra di Gattuso è in difficoltà e rischia, ringraziando Ospina che para un rigore a Koopmeiners. Superato il momento di difficoltà, il Napoli prova anche a conquistare i tre punti che significherebbero passaggio del turno, non ci riescono, e allora tutto va all’ultima giornata. Qui troverà la Real Sociedad, avrà anche il pareggio, oltre la sconfitta di misura, per andare avanti, ma dovrà stare attento, poiché gli spagnoli si sono complicati la vita pareggiando con il Rijeka (2-2) e dovranno necessariamente puntare alla vittoria per qualificarsi.

Roma testa di serie

La Roma, già qualificata, come scritto, ospitava lo Young Boys con diversi obiettivi. Tra gli altri,  quello di dimostrare che la sconfitta in campionato a Napoli era stato un incidente di percorso, per fugare qualche critica esagerata consequenziale a quella sconfitta, per vincere il girone. Paulo Fonseca, al solito, applica una massiccia turnazione, per raggiungere gli obiettivi di cui sopra capita un percorso tortuoso, perché gli svizzeri vanno in vantaggio con Nsame, i fantasmi vengono allontanati quando Borja Mayoral trova il pareggio. Nella ripresa i giallorossi controllano agevolmente la gara e portano a casa la vittoria con le reti di Calafiori e Dzeko. Nell’altra gara del girone pareggiano Cluj e CSKA Sofia (0-0), l’ultima giornata sarà importante per gli svizzeri per mantenere il secondo posto nella sfida contro il Cluj, per la Roma poco più di un’amichevole contro i bulgari.

Potrebbe interessarti

Paganese – Casertana 1-3 | Falchetti di rimonta, confermato il momento positivo

PAGANESE – CASERTANA 1-3 Paganese (3-5-2): 1 Campani; 5 Mattia (75’ 10 Scarpa) 23 Sc…