SAN TOMMASO. La storia non è solo bella studiarla ma è anche meraviglioso scriverla : questo è quello che è successo al San Tommaso, quartiere di Ariano Irpino, che con una giornata di anticipo, a quota 59 punti ha conquistato la promozione diretta in serie D .

Grande la gioia per la compagine del patron Marco Cucciniello, che è stato in grado di rendere realtà un sogno grande per una squadra che, ricordiamo, era tra le neo promosse in Eccellenza nel girone B.
In esclusiva ai nostri microfoni parla il direttore generale del San Tommaso Annino Cucciniello, che ci trasmette tutta la sua grande gioia ed emozione per il raggiungimento della serie D.

Grande soddisfazione per il San Tommaso, che da neopromossa in Eccellenza giunge in serie D

Il merito per questo meraviglioso traguardo raggiunto è tutto del presidente Marco Pucciniello, che ha creduto nel progetto San Tommaso, fin da quando siamo retrocessi in Promozione, due anni fa.

La cosa più semplice era lasciare il calcio per via della brutta delusione che subimmo, ma il presidente ci ha creduto fortemente, ha lavorato più di prima e adesso stiamo parlando di un vero e proprio miracolo sportivo. Per la prima volta un quartiere di Avellino giunge in serie D, è un qualcosa di spettacolare

 

A dicembre il San Tommaso, mette su un’ottima campagna di riparazione, e con quel quid in più sbaraglia le favorite Cervinara ed Agropoli

Siamo stati la squadra più concreta e continua. Le altre squadre hanno avuto svariati problemi il Cervinara e l’Agropoli erano sicuramente le due squadre da battere. Il Cervinara ha avuto problemi societari, noti a tutti, l’Agropoli ha avuto uno stop, perdendo punti per strada.

Loro avevano ben 5 punti in più a noi, ma siamo riusciti a raggiungerli e a superarli. Noi siamo stata la squadra con maggiore continuità dall’inizio alla fine.

Non voglio essere ripetitivo, ma tutto questo è stato possibile grazie alla società e al presidente che ha garantito un ambiente tranquillo fino alla fine. Di fatti Pasquale Carotenuto in un’intervista ha dichiarato, che il San Tommaso è stata l’unica società che a 15 giorni dal termine del campionato, ha rispettato tutti gli impegni con i calciatori e lo staff

 

La festa del San Tommaso

Dal girone A in dicembre, giunge il bomber Pasquale Carotenuto

Carotenuto ci ha portato tantissimo, non solo per il grande calciatore e professionista che è, ma ci ha dato tanto anche negli spogliatoi. E’ stato sempre il primo ad arrivare agli allenamenti e l’ultimo ad uscire dal campo.

Voglio raccontare un aneddoto: quando andammo in ritiro a Sorrento, per la gara contro il Positano, fu il primo ad andare a letto, invitando anche i suoi compagni di squadra a farlo, ed è stato il primo la mattina ad alzarsi a fare colazione alle 06:45.

Lui è un grande professionista, non l’abbiamo inventato noi. Il presidente ha voluto regalare questo gioiello al mister e alla fine ci ha dato la marcia in più

Grande soddisfazione anche per la società ovviamente

Il Presidente è fuori di sé, per la grande gioia, anche perchè 10 giorni prima gli è nato il primo figlio, una cosa che desiderava tantissimo. Poi è arrivata anche la vittoria del Campionato, quindi una doppia e bellissima gioia.

Stiamo già provvedendo per organizzare una festa nel rione come ai vecchi tempi, per riavvicinare tutti al San Tommaso. Insomma portare questo rione in serie D, fa risvegliare tutti gli entusiasmi come è giusto che sia.

Ci stiamo godendo il momento, abbiamo già organizzato tutto a step, questa settimana sarà dedicata alla festa, alle interviste, alla gioia. Ma già la prossima settimana ci metteremo al lavoro per la prossima stagione. Non ci faremo trovare impreparati, sia come dirigenti che come società, e quindi dobbiamo iniziare a lavorare adesso per annullare il gap che c’è con le altre squadre che albergano in serie D, perchè noi siamo neofiti di questa categoria.

Perchè il problema non è allestire la squadra, ma uno staff che sia capace di dare tranquillità a tutto l’ambiente

Annino Cucciniello, da direttore generale cosa ti senti di dire

Sono fiero di questa carica che mi è stata affidata: svolgo il mio ruolo con grande passione, dedico tanto tempo al San Tommaso, ma da soli non si va da nessuna parte. Se abbiamo fatto la differenza è perchè sono stato affiancato da due dirigenti che mi hanno aiutato in questo percorso e che voglio pubblicamente ringraziare: sto parlando di Pino Curto e Carlo Palatucci, che come me assistono il San Tommaso per passione e gli dedicano tanto del proprio tempo

 

Il messaggio conclusivo di Cucciniello

Faremo una grande festa, sono felicissimo, questa promozione in serie D è un qualcosa che sognavamo ma non pensavamo potesse subito accadere. Il nome del San Tommaso, è adesso sulle testate nazionali, questo è un qualcosa di altamente emozionante e quindi vieni ripagato di tutti i sacrifici che fai. E’ un’emozione che non ha prezzo, adesso mi sento ripagato di tutti i sacrifici e del tempo che ho dato a questa squadra

Potrebbe interessarti

Ufficiale – Pomigliano, a centrocampo ecco Giovanni Vitiello

Pomigliano. Rinforzo a centrocampo per il Pomigliano ecco Giovanni Vitiello. Classe ’…