EPISCOPIO 1

SIRIGNANO 1

EPISCOPIO: Pisacane, Palazzo, Squitieri, Di Falco B., D’Ambrosio, Di Falco R., Fiore, De Biase, Ascione, Molisse (45’st Fabozzo), Liguori (11’st Vellone). A disposizione: Gaudiello, Caiazza, Calvello, Guastafierro, Ruggiero. Allenatore: Lanzetta

SIRIGNANO: Colucci, Del Mastro S., Napolano, Marigliano, D’Andrea, Acone, Cozzolino, Colucci, Autru, Del Mastro A. (20’st Dell’Anno), Improta (46’st Napolitano). A disposizione: Benvenuto. Allenatore: Vetrano

ARBITRO: Russo di Torre Annunziata

RETI: 27’pt Squitieri (E), 39’st Cozzolino (S)

NOTE: Spettatori 50 circa. Ammoniti Di Falco B., Fiore, D’Ambrosio, Fabozzo, De Biase, Marigliano. Al 44’st espulso Vellone. Al 49’st Ascione si fa parare un rigore da Colucci.

SARNO. Pari e patta per l’Episcopio di mister Lanzetta, che viene fermato sull’1 a 1 in casa dagli avellinesi del Sirignano. I biancoverdi, apparsi visibilmente sottotono quest’oggi, non riescono a mantenere il prezioso vantaggio, arrivato nel primo tempo dai piedi del sempre più goleador Squitieri, facendosi raggiungere dal pareggio degli ospiti quasi allo scadere. Episcopio che, proprio a pochi secondi dal termine, ha sprecato anche la grossa chance del calcio di rigore concesso dal direttore di gara.

Prima dell’inizio della partita grande commozione in campo e sulla tribuna: i calciatori scendono in campo con un striscione per ricordare il piccolo Christian, scomparso a causa di un incidente stradale.

Venendo alla cronaca del match, c’è poco da raccontare nel primo tempo, apparso abbastanza soporifero per gli spettatori. L’unico sussulto lo regala Squitieri al 27’, quando dal limite dell’area si aggiusta la sfera, avanza, prende la mira e fulmina il portiere degli ospiti siglando il suo terzo gol consecutivo, dopo quelli con Bracigliano e San Valentino. Altra emozione al 45’, quando Napolano effettua un tiro al volo dall’interno dell’area, ma Pisacane è attento e in tuffo respinge la sfera.

Nella ripresa mister Lanzetta prova a dare una scossa ai suoi inserendo Vellone al posto di uno spento Liguori. Al 4’ Episcopio subito pericoloso con Molisse, il cui colpo di testa finisce di poco alto. Al 6’ calcio d’angolo di Palazzo, al centro spunta di testa Ascione, con la palla che prima colpisce la traversa, poi danza pericolosamente sulla linea di porta e in seguito viene respinto dal portiere. Al 13’ gran botta su punizione di Molisse, il portiere c’è. Al 27’ Squitieri pericoloso dal limite, palla di poco a lato. Al 32’ ancora Squitieri, tiro che finisce alto. Al 39’ Cozzolino riporta in parità i conti: punizione col contagiri al 39’ che non lascia scampo a Pisacane. Al 48’ Fabozzo, appena entrato, viene atterrato in area da un difensore. L’arbitro indica senza esitazione il dischetto e sulla palla si porta Ascione. L’ariete torrese si fa però ipnotizzare dal portiere, il quale indovina l’angolo e respinge la sfera. Termina così una sfida in cui è venuta fuori soprattutto la grande determinazione e abnegazione di un Sirignano che, nonostante i grossi limiti, ha tenuto testa ai biancoverdi, apparsi oggi non al meglio rispetto alle uscite precedenti.

Mister Lanzetta, a fine gara, commenta così il pareggio rimediato dai suoi: “Quest’oggi non abbiamo espresso un gran calcio. Con mio grande rammarico ammetto che giocavamo troppo schiacciati nella nostra metà campo, senza quella brillantezza e quel movimento di palla che abbiamo avuto nelle ultime uscite. Gli ospiti – continua l’allenatore – son venuti qui mettendola sul piano fisico, e a mio avviso hanno anche esagerato, con proteste plateali non punite dall’arbitro. Nonostante tutto abbiamo avuto diverse occasioni per chiudere il match, con la traversa di Ascione e il rigore fallito. Purtroppo – conclude Lanzetta – il calcio è fatto anche di errori, vorrà dire che ci rifaremo con la prossima partita.”

Potrebbe interessarti

Ischia – Barano 2-0 | I gialloblù restano primi in classifica

L’Ischia fa suo anche il derby col Barano e resta al comando della classifica. Nonos…