CASORIA. Il Casoria continua la sua opera di rafforzamento: alla corte di mister La Manna arriva Marco Incoronato, attaccante nativo di Torre del Greco, classe 1981.

Giovanili nel Napoli, con all’attivo 20 marcature in Primavera e l’emozione di una panchina in un Napoli – Milan terminato a reti bianche, sulla panchina azzurra il compianto Mondonico.

Carriera lunga e da autentico girovago sui campi di D, C ed Eccellenza, costellata da tanti gol messi a segno (oltre 160), una breve parentesi difficile dovuta a qualche acciacco fisico, prima di una seconda giovinezza iniziata in Eccellenza a Caivano (39 reti nelle ultime 3 annate).

In serie D, Marco ha indossato le casacche di Cassino (2 anni), Caivanese, Aversa (14 gol), Savoia (16), Neapolis, Angri (2 volte con 5 e 18 reti), in Lega Pro quelle di Marcianise, Juve Stabia, Vico Equense (7 gol da dicembre) e Arzano (10); in Eccellenza ancora Angri (15) e Caivano (14), Portici (14) ed Afragolese nell’ultimo anno con all’attivo 11 gioie personali.

Nel suo palmares il “double” con il Portici e 3 finali play-off (2 regionali ed 1 nazionale) perse, compresa l’ultima con la maglia rossoblu lo scorso 10 giugno.

Caratteristiche da puro ariete grazie ad una stazza imponente con i suoi 188 cm, destro naturale, forte di testa, Marco è dotato di buona tecnica e non disdegna di trasformarsi, all’occorrenza, in assist-man. Un elemento dal sicuro affidamento, con alle spalle un pedigree di primissimo livello: esperienza, qualità e ‘fisico’ per l’attacco del Casoria, che si appresta a vivere il suo secondo anno di Eccellenza.

“Con Lepre e Incoronato abbiamo messo a segno due colpi importanti per il nostro reparto offensivo – dice il DS Giovanni Liguori – , la conferma di buona parte del blocco che bene ha fatto la scorsa annata, e l’aggiunta di elementi mirati potrà aiutarci a raggiungere tranquillamente il nostro obiettivo stagionale”.

“Ho rifiutato diverse offerte che mi erano arrivate, perché convinto della bontà del lavoro di una società seria e ambiziosa come quella del Casoria. Sto seguendo una preparazione personale per farmi trovare pronto per il pre-campionato, la piazza è esigente e merita di vedere il miglior Incoronato, augurandomi di essere all’altezza delle aspettative”, queste le prime parole del centravanti ‘di peso’ viola, ad un passo quel lontano 8 aprile 2001 dall’esordio in A con il ‘suo’ Napoli: “Mister Mondonico mi chiese se andasse bene il 22, accennai un vago ‘si’, qualsiasi numero sarebbe stato perfetto! Per quanto giovanissimo, ero l’unico attaccante in panchina, magari senza il rosso a Fresi a fine primo tempo, avrei potuto giocare qualche minuto nel finale di gara esordendo in A con la maglia azzurra… Resta il ricordo di un momento indelebile…”

UFFICIO STAMPA CASORIA CALCIO

Potrebbe interessarti

La classifica dei migliori allenatori della storia secondo Il Corriere del Pallone

France Football, rivista di calcio francese nota soprattutto per l’assegnazione del Pallon…